© Getty Images

JPMorgan Chase e altre importanti istituzioni finanziarie americane (forse quattro), i cui nomi non sono ancora stati resi noti, sarebbero state oggetto di un insidioso attacco da parte di hacker. I fatti risalgono a metà agosto, ma sono stati resi noti soltanto ieri. Citando fonti vicine all’Fbi, Bloomberg riferisce che si è trattato di un attacco coordinato innescato da un malware che ha consentito ai cyber criminali di impossessarsi di un numero elevato di dati sensibili di clienti, che potrebbero essere utilizzati per perpetrare delle frodi.

L’Fbi sta al momento seguendo diverse piste, da quella della truffa ai danni degli istituti di credito a quella della ritorsione russa a seguito delle sanzioni conseguenti all’acuirsi della crisi in Ucraina.