© Getty Images

«Ce la faremo», assicura il presidente dell’Anac, l'Autorità nazionale anticorruzione guidata da Raffaele Cantone. Una frase che suona, al contempo, come una promessa, un mantra, una sfida.

Perché quella di cui si è fatto carico Cantone è un’operazione monumentale: passare in rassegna appalti, gestione di catering, servizi di vigilanza, allestimenti, lavori di pulizie, manutenzione e qualsivoglia attività riguardante Expo2015, per garantire la trasparenza e la correttezza delle operazioni.

«La collaborazione con i vertici di Expo sta funzionando, l’importante è recepire in fretta le indicazioni che arrivano dal nostro ufficio», continua Cantone. Che presenta il primo bilancio dell’attività dell’Anac, iniziata a giugno 2014.

PRIMO STEP. Da allora sono stati passati in rassegna 65 procedure e bandi, di cui 53 con «rilievi di legittimità o opportunità», 6 commissioni di gara, di cui 4 con rilievi; 9 aggiudicazioni, di cui 7 con rilievi. In totale: 93 operazioni tra procedure, bandi, commissioni e aggiudicazioni, di cui 72 con rilievi.

Le contestazioni riguardano soprattutto la stesura dei bandi ma non sono mancati casi in cui a essere irregolari erano le procedure stesse.

INFILTRAZIONI. Non solo. Stando al Comitato di controllo del Viminale «fino al 31 dicembre 2014, sono state adottate 66 informazioni interdittive antimafia relative a 46 imprese, coinvolte in vario titolo in opere essenziali o connesse allo svolgimento di Expo2015».

Da qui, peraltro, la collaborazione tra Anac e il Ministero degli Interni. «Ci sono ancora incognite relative a Piastra e a Palazzo Italia, stiamo lavorando sulle transazioni e attendiamo il parere dell’avvocatura dello Stato», continua Cantone. «Bisogna trovare assolutamente una soluzione. I lavori stanno comunque andando avanti e dunque siamo fiduciosi sul fatto che alla fine riusciremo a raggiungere il risultato risolvendo tutti i problemi».