Un Decumano gremito in occasione del National day del Giappone © Daniele Mascolo)

Affluenza di turisti italiani superiore alle aspettative per Expo 2015, almeno secondo Federalberghi che prevede un affluenza di circa 16 milioni di connazionali all’Esposizione universale di Milano entro il 31 ottobre 2015. La stima è frutto di un’indagine realizzata su di un campione di 1.201 italiani rappresentativo di oltre 60 milioni di connazionali non tiene conto dei turisti in arrivo dall’estero e degli italiani che hanno acquistato biglietti serali e/o biglietti per due giorni di visita.

7 MILIONI DI ITALIANI IN DUE MESI. Dal 1° maggio al 31 agosto, si evidenzia dall’indagine, sono stati quasi 9 milioni, tra maggiorenni e minorenni, gli italiani che hanno varcato i cancelli e di essi quasi il 10% ha dichiarato che ha intenzione di tornarvi. Dal 1° settembre al 31 ottobre saranno invece circa 7 milioni a visitare i padiglioni della manifestazione, distribuiti in: 2,2 milioni a settembre e 3,5 milioni ad ottobre (un altro 1,2 milioni è ancora indeciso su quando andare), ai quali andranno comunque aggiunti circa 640 mila di ‘ri-visitatori’. Inoltre sempre per quanto riguarda i visitatori dell’ultimo trimestre, oltre 3 milioni effettueranno una visita giornaliera, mentre quasi 3,5 milioni pernotteranno almeno una notte, dormendo nel 40% dei casi in casa di parenti o amici, nel 31% in albergo ed il 28% in un B&B.

LA CRITICA. Secondo il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca il dato è “sicuramente lusinghiero” e ha contribuito “a rimettere in moto l’economia turistica dell’intero Paese. Purtroppo dai nostri terminali in Lombardia e nelle Regioni limitrofe non risultano essere approdati nel Belpaese quei flussi dall’estero che invece sulla carta erano stati ipotizzati”.