Sotto indagine per una presunta evasione fiscale da 10 milioni di euro. È quanto accaduto al sociologo e saggista, Renato Mannheimer che, secondo la Procura di Milano, sarebbe stato coinvolto in un giro di fatture false; le indagini hanno coinvolto anche altre persone, tra cui il suo commercialista Francesco Merlo. I reati contestati a Mannheimer sono l'associazione per delinquere finalizzata all'emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. I fatti contestati, secondo l'accusa, risalirebbero tra il 2005 e il 2010: gli indagati avrebbero organizzato un giro di fatture false di circa 30 milioni di euro.