Finisce tra gli indagati per evasione fiscale l’attuale presidente della Siae Gino Paoli. La Guardia di Finanza, su ordine della procura di Genova, ha perquisito del cantautore e gli uffici di un’azienda di Genova che amministra società riconducibili a Paoli.
Gli accertamenti in corso sarebbero riferiti a una somma totale di 2 milioni di euro, risalenti al 2008 e non dichiarati. L’indagine parte dall’inchiesta relativa alla Carige e, come indica il Corriere.it , l’artista sarebbe stato coinvolto da alcune telefonate intercettate, in cui Paoli parlava con il suo commercialista, Andrea Vallebuona, arrestato assieme all’ex presidente Carige Giovanni Berneschi nell’ambito proprio dell’inchiesta sulla Cassa di Risparmio di Genova ed Imperia.