© Getty Images

Nell'elezione di midterm delle sorprese - non il ko di Obama, ma l'elezione del primo senatore nero del Sud (Tim Scott in South Carolina) e della prima afroamaericana repubblicana (Mia Love nello Utah) - c'è stato spazio anche per una tornata storica di referendum.

VIA LIBERA ALLA COLTIVAZIONE. Da martedì notte così la marijuana è diventata legale in Oregon dopo Colorado e Washington. Autorizzato l'uso ricreativo - seppur in privato - anche nel distretto della capitale, la città dei burocrati di Stato.

Sarà possibile detenere oltre 50 grammi di erba, coltivare (fino a sei piante) e scambiare cannabis con altri adulti nel territorio urbano (non nelle aree federali).

FLORIDA CONTROCORRENTE. Resiste invece l'opposizione della Florida alla "modernità", vista anche l'elevata età media della popolazione che ha spento gli entusiasmi dell'elettorato giovane.

Non è passata infatti la consultazione abrogativa sulla norma che vieta ai medici di prescrivere marijuana in caso di dolori causati da cancro, Aids, Sla, glaucoma, Parkinson, epatite C, morbo di Crohn, ma anche nevrosi ed emicrania.