«L’unico fattore di moderato ottimismo proviene dalla prossima edizione di Eicma». L’ammissione è del presidente di Ancma, Corrado Capelli, di fronte ai dati negativi dei primi nove mesi dell’anno per il mercato delle due ruote. La vigilia del Salone internazionale del motociclo, giunto alla 70esima edizione e in programma dal 15 al 18 novembre, è fatta di alti e bassi: da una parte la conferma di tutti i principali espositori del settore (20% stranieri, provenienti da 30 Paesi) e partnership strategiche come quella con Fiera Milano (rinnovato l’accordo fino al 2020) e Alitalia (tariffe agevolate su tutte le tratte per raggiungere l’Esposizione), dall’altra un mercato che, almeno per il momento, non registra segnali di ripresa e, nei primi nove mesi dell’anno, ha segnato un -22,2%. Eicma risponde alla crisi con un leggero ridimensionamento nello spazio espositivo (da 135 mila del 2011 a 121 mila mq) e una scommessa: conquistare i giovani, distratti da altri prodotti e disaffezionati dai valori delle due ruote. Oltre alle arene esterne MotoLive all’insegna dello spettacolo puro, Eicma 2012 presenterà anche nuovi modelli dedicati alla mobilità sostenibile.
Si muove sulle stesse orme il Motor Show di Bologna. Nonostante il mercato dell’auto non stia vivendo un buon momento in Italia (immatricolazioni a -20,46%) l’unico salone dell’auto italiano conferma l’edizione 2012, la numero 37, che verrà ridotta a cinque giorni (dal 5 al 9 dicembre); la formula, invece, resta la stessa: appuntamenti rivolti ai dealers e ai professionisti dell’automobile, ma anche attività coinvolgenti e test drive per il grande pubblico. Il Motor Show chiuderà un anno terribile per le immatricolazioni, nella speranza di un 2013 migliore.

Info: eicma.it - motorshow.it