Milano è la città più accessibile d'Europa, ovvero quella che si sta impegnando di più nella rimozione delle barriere architettoniche che ostacolano disabili e anziani. Il capoluogo meneghino è stato premiato dalla Commissione europea in questa speciale graduatoria davanti a Wiesbaden (Germania), Tolosa (Francia), Vaasa (Finlandia) e Kapsovar (Ungheria). «Premiamo Milano per il suo impegno a lungo termine per l'accessibilità», le parole della commissaria Ue all'Occupazione e gli Affari sociali Marianne Thyssen, «tutte le città dovrebbero imparare dalle buone pratiche di Milano e degli altri vincitori in tutta l'Unione europea, per migliorare l'inclusione attiva delle persone disabili e anziane».

A Milano è stato riconosciuto in particolare l'impegno «nei progetti che promuovono l'occupazione delle persone disabili e non solo per i passi avanti impressionati fatti nel passato per migliorare l'accessibilità, ma anche per i suoi ambiziosi progetti per il futuro». «Sono orgoglioso», è il commento del sindaco Giuliano Pisapia, «che la nostra città sia stata scelta come esempio dell'impegno su un fronte così importante come quello della disabilità. Per un amministrazione pubblica è fondamentale, insieme a tutti gli altri soggetti coinvolti, dare una risposta concreta per rendere Milano sempre più accessibile a tutti».