BusinessPeople

Class action in pillole

Class action in pillole Torna a Class action: tutti insieme appassionatamente?
Giovedì, 15 Ottobre 2015

POCO UTILIZZATA. La sua scarsa diffusione è dovuta in primis a un eccesso di costi per chi la promuove e al rischio di essere citati per “lite temeraria” nel caso in cui l’azione collettiva venga giudicata inammissibile dal giudice.

COS'E'? La class action è un’azione giudiziaria collettiva che permette di attivare un unico processo per ottenere un risarcimento a favore di un gruppo di cittadini, tutti danneggiati dallo stesso comportamento messo in atto da un altro soggetto, per esempio un’ azienda scorretta che ha venduto un prodotto difettoso o tossico.

COME FUNZIONA OGGI. Dal 1° gennaio 2010, la class action è entrata in vigore nel nostro ordinamento giuridico, con il nuovo articolo 140-bis del Codice del Consumo. Tuttavia, l’applicazione della class action nel nostro Paese è stata molto limitata.

COSA CAMBIA. La normativa sulla class action viene spostata dal Codice del Consumo al Codice di Procedura Civile, allargandone l’applicabilità. Più soggetti coinvolti Non solo i consumatori o gli utenti potranno proporre una class action, ma anche le imprese, la pubblica amministrazione e tutte le associazioni che rappresentino degli interessi collettivi omogenei.

ADESIONE EX-POST. differenza di quanto avviene oggi, si potrà aderire all’azione di classe anche dopo la pronuncia di una sentenza da parte del giudice, che condanna la parte soccombente (per esempio un’azienda) a risarcire il danno.

ILLECITO EXTRA-CONTRATTUALE. Con la riforma al vaglio del Parlamento, saranno risarcibili con una class action anche gli illeciti extra-contrattuali, cioè i comportamenti che non riguardano strettamente i contenuti del contratto di vendita. Anche i danni alla salute o alla riservatezza potrebbero portare all’erogazione di un risarcimento.

LIQUIDAZIONE. Se la class action ha successo, il giudice può ordinare direttamente la liquidazione del danno a ogni singolo aderente o può stabilire un criterio di calcolo omogeneo per tutti.

COMPENSI EXTRA AGLI AVVOCATI. L’impresa condannata è obbligata a pagare un compenso extra (o premiale) all’avvocato che svolge il ruolo di rappresentante comune della class action.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media