Il «Black Friday» sta per arrivare. La caccia agli sconti, quella che mobilita ogni anno i consumatori americani nel venerdì seguente il Thanksgiving, è fissata per domani, venerdì 26 novembre. La novità di quest’anno è che la tradizione, tutta statunitense, è pronta ad essere esportata, anche in Italia.
Il «Black Friday» è la giornata che, passata la Festa del Ringraziamento, segna l’inizio degli acquisti natalizi, il giorno nel quale tutte le grosse catene commerciali, ma anche i negozi on line, offrono sconti notevoli e attivano una serie di promozioni. Una vera e propria guerra degli sconti, combattuta dai retailer con offerte sensazionali atte ad attirare i clienti all’interno dei punti vendita e aumentare esponenzialmente le vendite.
La Apple ha deciso di esportare la tradizione anche fuori dai confini americani. Da domani, anzi dallo scattare delle mezzanotte, i prodotti venduti sugli App Store di tutto il mondo subiranno una variazione di prezzo – ancora non si sa di quale entità –, una sorta di «Global Black Friday». L’iniziativa interesserà anche il nostro paese nei punti vendita Apple, ma anche on line.
Non solo Apple, anche Amazon ha pensato di estendere la festa degli sconti. Il colosso dell’e-commerce quest’anno ha esteso il «Black Friday» anche alla Gran Bretagna, con una formula davvero ampia. Non una sola giornata, ma un’intera settimana di super offerte. L’Italia in questo caso non è coinvolta – il sito Amazon.it è partito solo ieri – però l’impressione è che la tradizione statunitense si prepari a conquistare il mondo. L’anno prossimo magari sarà già arrivata nelle città, e non solo negozi virtuali, italiani.