Un bebè che dorme. La sua famiglia riceverà da 80 a 160 euro al mese per i prossimi tre anni

I PARAMETRI. Il genitore richiedente, al momento della domanda, deve essere residente in Italia e convivente con il figlio per il quale si richiede l'assegno; la domanda deve essere presentata all'Inps esclusivamente in via telematica entro 90 giorni dalla nascita del bimbo o dall'ingresso in famiglia a seguito di adozione o affidamento. Un’importante precisazione: l’Isee prende in considerazione la dichiarazione dei redditi presentata ai fini Irpef e i beni patrimoniali posseduti al 31 dicembre dell’anno precedente. Potrebbero quindi esserci dei casi in cui la situazione economica dell’anno corrente peggiora, magari perché uno dei familiari ha perso il lavoro, abbassando drasticamente il reddito, stato che però sarà rilevato solo a partire dall’anno successivo. In questi casi, la domanda di accesso può essere presentata in via anticipata. Non ci sono limiti di reddito per le famiglie numerose, dal quinto figlio in poi; possono accedere al bonus sia i cittadini italiani e comunitari residenti in Italia, che quelli extracomunitari con permesso di soggiorno di lungo periodo.