Bill Gates © Getty Images

Bill Gates

La prospettiva ha un che di fantascientifico. Eppure, nel giro di tre anni, potrebbe essere pura realtà: nel 2018 dovrebbe debuttare sul mercato MicroChips, ossia il primo contraccettivo elettronico. A idearlo è stata il Massachusetts Institute of Technology, ma a commercializzarlo ci penserà Bill Gates, che ha sposato il progetto sostenendone la ricerca. Il suo utilizzo appare semplice e immediato: il chip, grande 20 mm e profondo 7 mm, verrà impiantato sotto pelle e potrà essere attivato o spento in modalità wireless, a seconda che si desideri o meno una gravidanza. Strepitosa la durata: 16 anni contro l’attuale scadenza di 5 anni. Dunque, niente più pillola o cerotti: a rilasciare le dosi di ormoni necessarie a inibire la gravidanza ci penserà la tecnologia. E il tutto, pare, a un prezzo sostenibile. MicroChips potrebbe inoltre essere applicato anche nel campo delle patologie croniche, che necessitano una quotidiana assunzione di farmaci da parte del paziente.