Roberto Mancini

© Getty Images

Roberto Mancini, ex calciatore e allenatore. Marco Mezzaroma, imprenditore ed ex marito di Mara Carfagna. Due mondi lontani che si sono incrociati nella Img Costruzioni. E soprattutto nel suo dissesto: l'azienda immobiliare è fallita il 24 gennaio 2013.

Secondo la produca di Roma, gli 1,9 milioni di euro di ammanco sarebbero da considerare una bancarotta fraudolenta. Mancini e Mezzaroma sarebbero finiti nelle trame di Stefano Gagliardi, avvocato arrestato nel 2011 per il fallimento della Innovia Tec (10 milioni di euro sottratti al Fisco). Nell'inchiesta del pm Stefano Fava c'è anche il nome di Umberto Lorenzini, 78 anni, usato come faccendiere.

Società fittizie, giri di denaro, fatturazioni inesistenti: queste le attività di Gagliardi. Il coinvolgimento di Mancini e Mezzaroma sarebbe dunque indiretto. Non sono infatti soci diretti della Img, bensì della Mastro, specializzata nel campo delle costruzioni, tra il 2006 e il 2009.

Da qui sarebbero stati versati 838 mila euro alla Img, subito tornati però nelle casse di chi li aveva versati attraverso assegni circolari: a Lorenzini 35 mila euro, a Gagliardi e Mezzaroma 24 mila. Altri 240 mila a persone riconducibili agli indagati.