BusinessPeople

Contratti pre-matrimoniali: accordi da star

Contratti pre-matrimoniali: accordi da star Torna a Accordi prematrimoniali in Italia: patti chiari, nozze...
Lunedì, 28 Novembre 2016

C’è chi si tutela nell’eventualità di un tradimento e chi fissa regole per la vita sessuale da futuri coniugi, chi ha imparato dagli errori del passato e chi protegge il patrimonio dei genitori dalle mire del partner. Questo e molto altro si legge negli accordi prematrimoniali vip

  NICOLE KIDMAN e KEITH URBAN
Visti i problemi di tossicodipendenza del futuro marito, la Kidman gli ha imposto un accordo per cui, in caso di ricadute, non gli toccherebbe un dollaro. In cambio, se lei dovesse tradirlo, dovrà versare 640 mila dollari per ogni anno di matrimonio.
  MICHAEL DOUGLAS e CATHERINE ZETA-JONES
Memore dei 40 milioni di dollari versati alla ex moglie Diandra, Michael Douglas ha voluto concordare con Catherine Zeta-Jones i termini di un’eventuale separazione: prevedono 6 milioni per ogni anno di matrimonio.
  CHELSEA CLINTON e MARC MEZVINSKY
L’accordo firmato dalla figlia di Bill e Hillary in occasione delle nozze con il banchiere ebraico non prevede solo una clausole legate ai diversi credo professati dai due sposi. Dice anche che in caso di abbandono la Clinton riceverà 10 milioni di dollari.
  HILARY DUFF e MIKE COMRIE
L’allora 22enne attrice e cantante e il giocatore di hockey, sposati nel 2010 e poi divorziati dal 2016, si erano accordati per proteggere il patrimonio del padre di lui, Bill Comrie, fondatore di un’azienda di mobili da 500 milioni di dollari.
  ROBBIE WILLIAMS e AYDA FIELDS
L’ex Take That e la moglie Ayda hanno firmato un accordo secondo cui il responsabile di un eventuale divorzio dovrà versare all’altro 2 milioni di sterline per ogni anno passato insieme.
  JENNIFER LOPEZ e BEN AFFLECK
La coppia, che fece sognare i romantici dal 2002 al 2004, non arrivò mai all’altare, ma pare che la Lopez avesse fatto firmare al compagno una clausola prematrimoniale che prevedeva un minimo di quattro rapporti sessuali a settimana.
  ROMAIN ZAGO e JOANNA KRUPA
Pretesa simile a quella della Lopez da parte della modella polacca moglie del magnate dei locali notturni americani Romain Zago. Quest’ultimo si è legalmente impegnato a soddisfarla sessualmente almeno tre volte a settimana.
  MARK ZUCKERBERG e PRISCILLA CHAN
Meno pretenziosa la signora Facebook, che richiede al marito di assolvere ai doveri coniugali una volta settimana. Con l’aggiunta, però, di almeno 100 minuti da trascorrere insieme lontano dall’azienda. In cambio lui si terrà tutti i soldi.
  MADONNA e GUY RITCHIE
Unica donna che, fino a oggi, ha vestito i panni del Paperone in occasione del divorzio, aveva fatto inserire nel prenuptial agreement che l’ormai ex avrebbe dovuto prendere il controllo della situazione nei momenti critici per il desiderio «concentrandosi sull’espressività di lei».
  JACQUELINE KENNEDY e ARISTOTELE ONASSIS
È un contratto famoso per la sua precisione. Oltre a un tetto per le spese superflue, un budget in caso di abbandoni e una trattenuta per le emicranie, prevedeva 25 miliardi di risarcimento in caso di divorzio o morte, tre miliardi l’anno di “paghetta” e non più di un rapporto sessuale al mese.
  KATE MIDDLETON e WILLIAM, DUCA DI CAMBRIDGE
In caso di divorzio Kate perderà la custodia dei figli, anche se potrà vederli senza restrizioni. La separazione le toglierebbe anche il titolo di duchessa e la possibilità di vivere nelle abitazioni della famiglia reale.
POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media