Nuova immagine e profitti: Uber riparte da un anti-Trump

Dara Khosrowshahi, ex Ceo di Expedia, ora al timone di Uber

Dara Khosrowshahi sale a bordo di Uber. L'ex Ceo di Expedia, che dal 2005 guidava la società di viaggi online, è il nuovo Ceo della piattaforma di noleggio Ha superato all'ultima curva Jeffrey R. Immelt, ex presidente di General Electric, e Meg Whitman, presidente di Hewlett Packard Enterprise. Nato in Iran, Khosrowshahi è cresciuto negli Stati Uniti: il suo compito sarà quello di far ripartire Uber ripulendo la sua immagine dopo gli scandali che hanno portato alle dimissioni del fondatore Travis Kalanick , dalle molestie sessuali alle accuse di spionaggio aziendale sul progetto dell'auto a guida automatica.

UBER RIPARTE DA DARA KHOSROWSHAH DI EXPEDIA

Il manager ha 48 anni e ha guidato Expedia per 12 anni, portando i ricavi dai 2,1 milioni del 2005 agli 8,7 del 2016. Sotto la sua gestione, Expedia è diventata la prima agenzia di viaggi degli Stati Uniti. Non è un personaggio avvezzo alla Silicon Valley, però, avendo lavorato finora nello Stato di Washington, più vicino dunque all’area tecnologica di Seattle (dove si trovano anche Microsoft e Amazon. Tra l'altro, da membro del board del New York Times , negli ultimi giorni si era distinto per le posizioni anti-Trump dopo i fatti di Charlottesville. In questo si pone in continuità con Kalanick che, prima dello scandalo, a febbraio aveva abbandonato il panel di Ceo consulenti del presidente.