Giorgio Napolitano

C’è un’Italia che nonostante la crisi continua a dare bella mostra di sé, ad affermare e consolidare, anche all’estero, l’immagine del “made in Italy”. È l’Italia, ad esempio di Piero Antinori, uno dei più importanti imprenditori del settore vinicolo italiano, a cui Giorgio Napolitano ha consegnato ieri il Premio Leonardo 2011 . Nato nel 1994 su iniziativa del Comitato Leonardo, il premio valorizza ogni anno quegli imprenditori, italiani o stranieri, che hanno, attraverso il loro lavoro, contribuito ad affermare e consolidare l’immagine e la qualità del Sistema Italia nel Mondo. Ospitata al Quirinale e officiata dal Capo dello Stato, la premiazione avvenuta ieri, in occasione della cerimonia per la Giornata della Qualità Italia , ha visto protagonisti, oltre al patron della Marchesi Antinori, tante realtà italiane di successo. I Premi Leonardo Qualità Italia 2011 , attribuiti ad imprenditori la cui azienda si sia distinta nell’anno per qualità e vocazione all’export, sono infatti stati assegnati a: Oscar Farinetti, Presidente ed ideatore di Eataly; Ugo Gussalli Beretta, Presidente di Fabbrica d’Armi Pietro Beretta; Claudio Luti, Presidente di Kartell; Maurizio Marinella, Presidente di E. Marinella; Nicoletta Spagnoli, AD di Luisa Spagnoli. Il Premio all’innovazione è stato conferito a Federico Marchetti, fondatore e AD di YOOX Group. Il Premio Leonardo International 2011 è stato conferito all’imprenditore indiano Rajan Bharti Mittal. Non solo, il comitato Leonardo ha deciso quest’anno anche di assegnare un Premio Speciale a Mario Draghi, “un grande economista ma ancor prima una personalità che ci ha dato un ulteriore motivo per essere orgogliosi del nostro Paese, contribuendo a ridare lustro europeo all’immagine dell’Italia”.