© Ferrari.com

Luca Cordero di Montezemolo chiama a raccolta i giovani italiani perché si avvicinino di più alla politica e si impegnino per il futuro del Paese. Giorno dopo giorno, dichiarazione dopo dichiarazione, il presidente della Ferrari parla sempre più da uomo politico che da imprenditore. Montezemolo invita i giovani a “impegnarsi di più” in politica. “Dobbiamo metterci insieme - aggiunge - e lavorare insieme come una squadra. Se questo paese lavorasse come una squadra, batterebbe i campionati mondiali di qualsiasi cosa”.
A Montezemolo non sono piaciute le parole con cui il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, ha risposto alla critica mossa dal presidente di Confindustria Emma Marcegaglia (“imprenditori lasciati soli dalla politica”). Se Tremonti, nel presentare il programma nazionale di riforme, aveva commentato ironicamente con un “la solitudine di Confindustria è durata pochi giorni”, Montezemolo risponde duramente: “C'è poca ironia da fare vista la situazione di mancata crescita e di mancate iniziative di politica economica. Meno battute e impegniamoci di più per avere più risultati”.
Per il leader di Italia Futura “c'è un paese reale che sta reagendo e si sta dando da fare. Sono quelli che chiamo gli italiani ignoti, che sono la grande forza di questo paese, malgrado una politica sempre più lontana dai problemi, dalle esigenze vere e da scelte coraggiose che bisogna assolutamente fare per guardare al futuro, a cominciare da non trascurare la ricerca”. E proprio sui tagli alla ricerca Montezemolo rincara la dose: “Sono scandalosi, masochistici e dimostrano che la classe dirigente politica non ha a cuore il futuro del Paese. Non sento più parlare di tagli alle Province e alle troppe inefficienze – aggiunge – Invece di operare tagli alla ricerca, taglierei qualcos'altro come i Consigli di amministrazione dove vengono piazzati i politici trombati”.
Intanto il personaggio Montezemolo piace sempre di più al mondo politico. A Omnibus di La7 il vicepresidente di Fli Italo Bocchino si riferisce al presidente Ferrari come a un personaggio che viene dalla società civile “e i personaggi che provengono dalla società civile possono portare una ventata di freschezza e novità a questo Paese. Se scende in campo, lo fa per sparigliare i giochi. Se siamo interessati? Nel caso ci fosse un soggetto forte che fa parte della società civile e che scende in campo sì, siamo interessati”. Bisogna capire se Montezemolo è interessato a questa politica.