Jeff Bezos, Eike Batista © Fiesp/Helcio Nagamine, Getty Images (1)

Jeff Bezos ed Eike Batista

Il miglior Ceo dell’anno? Sicuramente Jeff Bezos di Amazon, per la sua visione a lungo termine; mentre il 2013 sarà un anno da dimenticare per Eike Batista della holding brasiliana Ebx/Ogx/Osx, eletto peggior amministratore delegato del 2013. Sono i giudizi di Sydney Finkelstein contenuti nella tradizionale classifica che il professore di strategia e leadership della Tuck School of Business pubblica da ormai tre anni e che, per la prima volta, elenca anche i miglior manager a livello mondiale.

TOP. Partendo proprio da quest’ultima novità, il professor Finkelstein sottolinea i meriti del miglior manager dell’anno, Jeff Bezos, distintosi per la sua "visione a lungo termine in un periodo in cui gli amministratori delegati vivono nella paura dell’abbassamento dei margini trimestrali". Descrivendo Amazon come un "incrocio tra Ups, la Public Library di New York, e un magazzino gigante", Finkelstein sottolinea come Bezos abbia saputo far diventare un business noioso un marchio cool a prezzi imbattibili. "Super competitivo, Bezos ambisce a battere i giocatori e le industrie più deboli sul mercato e la sua azienda, che oggi è un colosso, è agile come una start up. Bezos – aggiunge – sta costruendo un enorme pool di talenti attraverso assunzioni di diplomati Mba e la news della consegna dei pacchi via droni è stato un colpo mediatico geniale, giusto prima del Cyber Monday. Jeff Bezos è il nuovo Steve Jobs del business".

FLOP. Per Finkelstein, invece, Eike Batista, l'imprenditore brasiliano che ha fatto fortuna nelle miniere d'oro, ha creato il conglomerato di società Ogx/Osx per sfruttare i giacimenti di petrolio al largo della costa del Brasile presumibilmente contenenti 10 miliardi di barili di petrolio recuperabile. Ma Batista ha fatto previsioni troppo ottimistiche e sottovalutato la difficoltà e il costo dell’estrazione di giacimenti di petrolio dal sale, sabbia e roccia sotto il mare. " Batista non ha esperienza manageriale in questo settore, ma è un venditore incredibile che ha convinto gli investitori a sborsare 20 miliardi di dollari", spiega Finkelstein. "In ultima analisi, ha trascorso più tempo a generare interesse per il progetto che sulla sua esecuzione e ha accusato tutti gli altri quando il titolo Ogx e Osx è sceso del 95% nel 2013. Lui personalmente ha perso il 99% del suo patrimonio (il manager era settimo nella classifica “The World’s Billionaires”di Forbes con 30 miliardi di dollari nel 2012).

Migliori Ceo del 2013 Peggiori Ceo del 2013
1. Jeff Bezos, Amazon
2. Akio Toyoda, Toyota
3. Pony Ma, Tencent (Cina)
4. John Idol, Michael Kors
5. Reed Hastings, Netflix
1. Eike Batista, Ebx/Ogx/Osx (Brasile)
2. Ron Johnson, J.C. Penney
3. Thorsten Heins, Blackberry
4. Eddie Lampert, Sears Holdings
5. Steve Ballmer, Microsoft