Far from Shallow: puntare sulla cultura sostenibile

Intraprendenza, creatività e impegno sociale caratteriz­zano l’animo e l’attività imprenditoriale di Claudia Con­te, amministratrice unica di Far from Shallow. Convinta che si possa creare valore economico valorizzando l’am­pio patrimonio culturale italiano, questa giovane donna ha dato vita a una Società Benefit che vuole essere il pun­to di riferimento per un network virtuoso tra diversi sta­keholder con l’obiettivo di sensibilizzarli su tematiche di sviluppo sostenibile e responsabilità sociale.
La sua avventura imprendito­riale nasce da lontano, sulle piste di atletica leggera, dove un in­fortunio ferma anzitempo una promettente carriera agonistica. Da lì Conte non si è persa d’animo: ha iniziato a costruire un prezio­so bagaglio di conoscenze ed esperienze che ha portato alla nasci­ta della sua società. La vittoria di un bando le ha permesso di la­sciare la sua Aquino (Fr) per un anno di studio alla New York Film Academy, che le ha fatto da trampolino per una carriera da attrice in Italia con tournée in teatro, fiction e film per il cinema. A questo ha aggiunto una fortunata passione per la scrittura, che l’ha por­tata a scrivere quattro opere, tra cui il recente romanzo La legge del cuore. Storia di assassini, vigliacchi ed eroi  (Armando Curcio Editore), presentato lo scorso mese in Senato con il procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho, che ne ha curato la prefa­zione, e pubblicato in occasione dei trent’anni dalle stragi di mafia del 1992 e della nascita della DIA. «Ho avuto fortuna», afferma, «ma ammetto di non essermi mai tirata indietro di fronte a una sfida. Lo sport mi ha sicuramente dato quella tenacia e determi­nazione che mi spingono quotidianamente a superare i miei limi­ti».
L’animo da imprenditrice culturale ha portato Claudia Conte a produrre il Women in Cinema Award, premio giunto alla quin­ta edizione e patrocinato dal Ministero della Cultura, che valoriz­za il talento femminile e promuove la gender parity ai Festival del cinema di Venezia e di Roma. A queste attività, confluite tut­te nella sua Far from Shallow, si aggiungono le numerose inizia­tive di fundraising per sostenere gli enti del terzo settore, come il charity event Unicef Coloriamo il futuro ,  tenutosi l’8 giu­gno a Roma dove si sono raccolti fondi per i bambini e le fami­glie ucraine in Italia.

Perché il nome Far from Shallow?
Perché attraverso le mie iniziative affronto i temi dell’Agenda Onu 2030 con l’obiettivo di diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile. Valori profondi, quindi, che vanno ben “oltre la superficie”. 

SPECIALE SOCIETÀ BENEFIT E B CORP  

Nessun riferimento, quindi, alla “superficialità” con cui a volte viene trattato il nostro patrimonio culturale…
Sicuramente nel nostro Paese c’è un gran bisogno di manager e imprenditori culturali, perché il nostro è un patrimonio incredibile, che va saputo valorizzare. Per farlo, però, bisogna cambiare mentalità. Non bisogna più considerare la cultura come una voce di spesa, ma trovare soluzioni affinché le persone possano vivere di cultura. Qualche anno fa venne attribuita all’allora ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, la frase “con la cultura non si mangia” (da lui smentita, ndr ), poi ripresa sapientemente in un recente libro dal ministro della Cultura, Dario Franceschini. Noi vogliamo dire proprio il contrario: la cultura rappresenta un asset non solo dal punto di vista storico e artistico.

Quale valore aggiunto può dare con la sua società?
L’obiettivo è creare un network virtuoso tra il mondo corporate, della finanza, della cultura, dello sport e delle istituzioni. Sono mondi che spesso non comunicano tra loro e la cultura può rappresentare il trait d’union  per dialogare su obiettivi comuni, come la solidarietà e il benessere del nostro Paese. Si parla spesso di sostenibilità ambientale, ma di cultura sostenibile si parla e si fa poco. È un campo nuovo, che va quasi inventato con veri e propri modelli di business sulla cultura sostenibile.

Cosa significa per lei costituirsi come Società Benefit?
Le Società Benefit sono imprese che possono contribuire a cambiare il mondo. Il loro modello può essere di ispirazione per l’intero sistema economico italiano. Si tratta di imprese ibride che, oltre allo scopo di dividere gli utili, perseguono finalità di beneficio comune. Credendo fortemente in questo modello di sviluppo, sono ambassador di Assobenefit, l’associazione nazionale per le Società Benefit, nata per diffonderne la cultura. Entrare a far parte di questo mondo porta a instaurare un dialogo tra le diverse imprese Benefit che si riconoscono in un modello di mercato e di crescita che pone al centro della propria azione il bene comune. Un esempio è il B for Good Leaders Summit, primo incontro globale che riunisce leader che usano il business come forza di rigenerazione, di cui sto gestendo le relazioni istituzionali. Il 16 e 17 giugno arriveranno a Roma 700 tra investitori, filantropi e top manager di aziende B Corp, società Benefit e realtà impegnate in business sostenibili per condividere progetti e opportunità e per stringere partnership e sinergie.