BusinessPeople

Semplice ma incredibile

Semplice ma incredibile Torna a E = mc², la Teoria della relatività compie cent’anni
Venerdì, 20 Novembre 2015

 

È questo che rende la teoria di Albert Einstein la più bella di tutte, secondo il fisico e scrittore Carlo Rovelli

Il libro Sette brevi lezioni di fisica è il caso letterario dell’anno. In meno di 90 pagine, Carlo Rovelli ci spiega con un linguaggio semplice e piano che cosa è l’universo, come nasce il mistero dei buchi neri, perché lo spazio e il tempo si incurvano e il fluttuare quantistico della materia. L’autore è un fisico teorico, che insegna all’Università di Aix-Marsiglia e fa ricerca sulla gravità quantistica. Mai si sarebbe aspettato (e neppure la casa editrice Adelphi) di consegnare alle stampe un bestseller, con oltre 160 mila copie vendute. Nel nostro Paese non era mai accaduto che un volume di scienza arrivasse tanto in alto.

La prima lezione del suo libro è dedicata alle scoperte di Eistein. Perché la teoria della relatività è definita «la più bella»?
Perché è un’idea semplicissima (lo spazio si curva come un foglio di gomma), ma ne è seguita una strepitosa serie di predizioni incredibili (buchi neri, big bang, rallentamento del tempo...) che sono state tutte poi verificate, con grande sorpresa di tutti.

In proposito scrive che ha cominciato «a capirci qualcosa durante l’estate», aggiungendo poi che «i periodi di vacanza sono quelli in cui si studia meglio perché non si è distratti dalla scuola». Si tratta di una provocazione che ci suggerisce di cambiare approccio nei confronti della scienza?
Darei solo un consiglio ai giovani che vogliono davvero imparare qualcosa: usate la scuola, che vi indica le cose interessanti, ma imparate per conto vostro.

Com’è stata accolta nella comunità scientifica la sua attività di divulgatore?
Per ora direi che ha reagito bene e con simpatia. Più il pubblico s’interessa alla scienza e alle sue meraviglie, meglio è per tutti, credo.

Riusciremo a unire la più bella delle teorie con quella quantistica?
È come chiedere a uno scalatore alla base della montagna se pensa che arriverà in cima. Spero proprio di sì!

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2020 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media