Piero Ambrogio Busnelli

La pagina dedicata a Piero Ambrogio Busnelli, acquistata sul Corriere della Sera dai figli

“Grazie papà.” Con un’intera pagina acquistata sul Corriere della Sera (vedi immagine a lato) i figli di Piero Ambrogio Busnelli, fondatore di B&B Italia, hanno voluto dedicare l’ultimo saluto al designer e imprenditore italiano, scomparso sabato 25 gennaio all’età di 88 anni. “Con la scomparsa di Pierino Busnelli – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza – se ne va un protagonista dell’imprenditoria italiana. Un ‘maestro brianzolo’ che ha saputo interpretare al meglio l’intuizione di dare valore aggiunto – con il design, la ricerca e l’apertura internazionale – all’industria del mobile. È stato un innovatore e un amico, punto di riferimento di generazioni di mobilieri del territorio. (…) Oggi, senza di lui, siamo tutti più poveri”.

LA VITA. Nato a Meda nell’aprile del 1926, la storia imprenditoriale di Piero Ambrogio Busnelli inizia nel 1952, ma è nel 1966, come sottolinea il quotidiano Il Giorno , che arriva a concretizzare il suo sogno di “un'industria per il design” con C&B, creata insieme a Cesare Cassina. Busnelli non ha esitazioni nel lasciare l'eredità artigianale del suo territorio in nome di una nuova cultura industriale del design, che si esprima a tutto tondo, da esportare nel mondo. L'azienda si aggiudica una serie di primati e un successo crescente a livello internazionale. Nel 1973 la trasformazione dell'azienda in B&B con l'apertura ai nuovi designers Antonio Citterio, Patricia Urquiola, Paolo Piva, Naoto Fukasawa, Jeffrey Bernett. Ben quattro 'Compasso d'oro' (The World Famous Italian Design Award) sono il riconoscimento per una serie di successi. Qualche anno fa il capostipite ha passato il testimone ai figli Emanuele e Giorgio. I funerali di Piero Ambrogio Busnelli saranno celebrati martedì 28 gennaio alle 14 nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Nascente a Meda.