© GettyImages

Luca Cordero di Montezemolo

All’interno dell’entourage di ItaliaFutura c’è molta cautela: “Per ora è solo una battuta, non si sa neanche se si vota”, spiega al Corriere della Sera , Carlo Calenda, uno dei fondatori del think tank di Luca Cordero di Montezemolo. Ma la candidatura del presidente della Ferrari è praticamente certa. Alle prossime elezioni ci sarà anche Montezemolo, ex presidente Fiat e di Confindustria ora al volante della Rossa di Maranello, che sta preparando una lista civica nazionale e annuncerà ufficialmente il suo ingresso in politica appena sarà fissata la data delle elezioni. A confermare una notizia che era già nell’aria da diversi mesi, è Massimo Cacciari che parla di una “scelta definitiva”, ovvero quella di “scendere in campo” per il Paese.
Montezemolo prenderebbe ancora un po’ di tempo solo per sistemare i suoi affari imprenditoriali e capire i tempi precisi del ritorno alle urne: “perché - dice l'ex sindaco di Venezia - se votasse nel 2013, come auspica Silvio Berlusconi, dovrebbe stare 'sulla graticola’ per un paio d'anni”. Al contrario, se lo scioglimento delle Camere fosse imminente allora schiererebbe subito la sua organizzazione. L'obiettivo sarebbe quello di intercettare i delusi di Pdl, Pd e Lega, quasi un 40-50% di cittadini che non va più alle urne e non si riconosce in questo bipolarismo italiano, spiega ancora Cacciari. Difficilmente, però, si vedrà la nascita di un nuovo partito. Un invito al presidente della Ferrari a scendere nell'arena viene dal centrodestra, ma sia il centro di Casini che il Partito democratico guardano con attenzione a una possibile candidatura di Montezemolo.
Candidatura che, per Carlo Calenda, non è così scontata: “Luca Cordero di Montezemolo è già in politica da due anni, se per politica si intende fare proposte e intervenire nel dibattito pubblico. Se però si intende come 'presentarsi alle elezioni’ allora è una questione di lana caprina perché - prosegue - intanto le elezioni ci devono essere e se ci saranno tra due anni come si fa a dire quel che succederà?”.