Uno dei grandi interrogativi del 2015: come se la caverà il "tecnico" Dick Costolo, Ceo di Twitter, alla guida di una macchina dal successo travolgente?

Chi saranno i big protagonisti del 2015? E quali invece la start up che si imporranno all'attenzione mondiale. I professori della Cass Business School di Londra hanno fatto le loro previsioni.

CEO:

- Dick Costolo, Ceo di Twitter

«E' un leader carismatico che gode del solido supporto dei propri dipendenti», dice Chris Roebuck, Visiting Professor di Leadership trasformazionale, «la società è stata votata tra le prime cinque migliori organizzazioni per le quali lavorare. È un leader da tenere d'occhio perché sarà interessante vedere come un "esperto tecnico" se la caverà nel ruolo di leader di un'organizzazione in rapida crescita, che sta assumendo un carattere più spiccatamente societario».

- Elizabeth Holmes, Ceo di Theranos

«Ha rivoluzionato il settore delle analisi del sangue», spiega il professor Costas Andriopoulos, «con una sola goccia di sangue, Theranos può eseguire diversi tipi di analisi, dalla misurazione dei livelli di colesterolo alle più complesse analisi genetiche. Si tratta evidentemente di un sistema rivoluzionario, dal momento che i risultati sono molto più economici, rapidi e precisi rispetto ai metodi tradizionali di analisi del sangue».

- Sacha Romanovitch, Ceo di Grant Thornton

«È la prima donna a dirigere un'azienda contabile britannica di primo livello», è il voto del professor Jo Silvester, «è entrata a far parte di Grant Thornton nel 1990, dal 2002 al 2007 ha diretto il reparto audit e fiscale della sede di Londra, prima di passare all'incarico di responsabile delle attività di consulenza. Sacha è sicuramente una delle personalità di punta da tenere d'occhio. La sua nomina costituisce una grande notizia sia per Grant Thornton che per le donne nel settore finanziario in senso lato, ma serve anche a ricordare come l'intero settore fatichi a sfruttare al meglio i suoi talenti. Speriamo che la nomina di Sacha serva a ricordare a tutti gli altri i tantissimi vantaggi del riconoscimento e della promozione del potenziale della leadership femminile»

START UP:

- Raisinable

«Mi piacciono le invenzioni che danno importanza ai consumatori e ci consentono di assumere decisioni più informate», confessa la professoressa Caroline Wiertz, «Raisinable è una piccola applicazione che fa proprio questo. Come molte persone, amo accompagnare la mia cena con un buon vino ma, nonostante i miei sforzi, non riesco a rendermi bene conto di quanto possa costare una bottiglia al ristorante. Raisinable è stata appena lanciata a Londra e permette di vedere il ricarico applicato sul prezzo al dettaglio delle carte dei vini di oltre 1.000 ristoranti. Quanto è utile? Sarà interessante vedere come i clienti utilizzeranno queste informazioni: non mi sorprenderei di scoprire che, sapendo di stare per comprare a un prezzo "ragionevole" grazie a Raisinable, molte persone vengano indotte a scegliere vini piuttosto costosi. E naturalmente sarà interessante vedere quale sarà la risposta dei ristoranti».

- Umbrella Here e Breather

«Tutto ciò che riguarda la sharing economy vale la pena di essere tenuto d'occhio, perché è un modo per abbinare il valore non sfruttato delle cose che già abbiamo ai bisogni non soddisfatti delle altre persone», assicura il professor Vince Mitchell, «inoltre, è un modo per sentirsi a posto, perché i clienti spesso contribuiscono a tutelare il pianeta e a dare denaro ad altre persone anziché alle grandi aziende. Per una nuova soluzione al nostro clima britannico, registratevi a Umbrella Here, o per una fuga dalla frenesia della vita cittadina provate Breather».

- AirBnB e RelayRides

«Al contrario degli anni precedenti, dove l'area di crescita era nel mercato del noleggio occasionale (noto come car sharing), a mio parere oggi la crescita si concentra sui mercati del noleggio tra privati e della condivisione», l'analisi della professoressa Fleura Bardhi, «aziende come AirBnB (affitto di immobili tra privati) e RelayRides (autonoleggio tra privati) domineranno sempre più questi settori. Questi servizi stanno trasformando sempre più i consumatori di ogni giorno in imprenditori che commercializzano e vendono le loro proprietà per ricavare un profitto. Per questo, gli imprenditori da tenere d'occhio per il 2015 sono i consumatori, che stanno assumendo nelle loro mani il controllo degli scambi e del mercato».