© Getty Images

Alessandro Benetton

Un simbolo dell’imprenditoria italiana d’eccellenza, capace di apportare valore al sistema Paese e sviluppare un modello imprenditoriale integrato con il tessuto socio-culturale Italiano e con una rete globale. Sono queste le motivazioni che hanno valso ad Alessandro Benetton il riconoscimento di “Imprenditore dell’anno 2011”. Il vice presidente esecutivo di Benetton Group, è stato proclamato Vincitore Nazionale della 15esima edizione italiana del premio di Ernst & Young «per aver consolidato e rinnovato un’azienda che da oltre 40 anni copre un ruolo di riferimento nei mercati italiano e mondiale». Come sottolineato da Dante Valobra, Partner di Ernst & Young e responsabile italiano del premio. «Alessandro Benetton rappresenta un esempio positivo di capacità di trasmettere valori, competenze e spirito imprenditoriale attraverso le generazioni dando vita a un’impresa che oggi costituisce un modello di riferimento anche quando si tocca il delicato tema del passaggio generazionale». A consegnare il riconoscimento Stefano Landi, presidente di Landi Renzo SpA e vincitore 2010 del premio. Alessandro Benetton rappresenterà l’Italia all’Ernst& Young World Entrepreneur Of The Year Award di Montecarlo, dove saranno accolti i vincitori dei 50 paesi che quest’anno concorreranno al titolo di Imprenditore dell’Anno a livello mondiale.

Nel corso della serata, tenutasi presso Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa Valori, a Milano, sono stati inoltre assegnati i premi di categoria ai seguenti imprenditori:

Categoria Fashion & Design
Claudio Luti, Presidente di Kartell (Noviglio -Milano),«per aver condotto Kartell alla notorietà internazionale, puntando sull’innovazione di prodotto e di design. Kartell è presente in 98 paesi e vanta il 71% del fatturato realizzato all’estero»

Categoria Industrial Products
Giulio Bonazzi, Presidente e Amministratore Delegato di Aquafil (Arco - Trento), «per essere riuscito a trasformare una piccola realtà industriale locale in un importante player mondiale del settore che oggi vanta 13 stabilimenti dislocati in 3 continenti, 18 società con sede in 10 nazioni e con oltre il 70% del giro d’affari realizzato all’estero»

Categoria Health Science
Maria Laura Garofalo, Presidente e Amministratore Delegato di Gruppo Garofalo (Roma), «per aver puntato all’eccellenza nel proprio settore con una diversificazione territoriale che le consente di essere oggi a capo di uno dei principali gruppi della sanità privata italiana»

Categoria Food & Services
Ernesto Pellegrini, Presidente di Pellegrini (Milano), «per aver dato slancio alla sua impresa consentendole di ricoprire oggi un ruolo di leadership nel suo settore di riferimento e per le sue doti imprenditoriali, che ne fanno una delle figure di spicco meritevoli di aver innescato un’evoluzione della ristorazione collettiva in Italia”

Categoria Technology & Innovation
Domenico Petrone, Presidente di Viasat Group (Venaria Reale - Torino), «per essere riuscito, attraverso importanti risultati conseguiti in 37 anni di attività aziendale, a dimostrare che con impegno, approccio positivo, determinazione e guidati da valori e principi etici condivisi è possibile costruire un futuro migliore e di successo».