Edoardo Nesi © Thinking Pot – foto di Paolo Tangari

Edoardo Nesi

Solo un anno fa l’intervista a Business People in cui Edoardo Nesi raccontava della sua ultima fatica letteraria, Storia della mia gente (Bompiani - leggi l’intervista); oggi l’ex imprenditore di Prato, proprio con il suo romanzo/saggio autobiografico, è il vincitore della 65esima edizione del Premio Strega. Una vittoria ottenuta a larga maggioranza (138 voti) e che, dopo quattro anni, ha rotto il dominio della casa editrice Mondadori. “Questo premio non va a me, ma a tutti quelli di cui parlo nel mio libro e alla mia città Prato”, ha dichiarato Nesi. E poi, alzando la bottiglia del liquore Strega, ha aggiunto: “C'è un certo piacere a rompere il monopolio della Mondadori. Era arrivato il momento”.
Già arrivato in finale al Premio Strega nel 2005 con L'età dell'oro, Nesi era arrivato a sorpresa primo della cinquina di questa edizione, seguito a pari merito dal terzetto formato da Mariapia Veladiano con La vita accanto (Einaudi), arrivata stasera seconda con 74 voti; Bruno Arpaia, con L'energia del vuoto (Guanda), arrivato stasera al terzo posto con 73 voti e Luciana Castellina con La scoperta del mondo (Nottetempo), stasera all'ultimo posto con 45 voti. Penultimo, invece, Mario Desiati, con Ternitti (Mondadori) con 63 voti.
Storia della mia gente - la scheda del libro