Gianni Coda

Gianni Coda

Gianni Coda è stato scelto per guidare (con il ruolo di chief operating officer) la neonata struttura organizzativa per l'area Europa-Medio Oriente-Africa (Emea) di Fiat-Chrysler. Il manager, nato ad Azeglio (Torino) il 24 ottobre 1946 e laureato in Ingegneria meccanica, avrà il compito di rilanciare il marchio Fiat in Europa insieme alla nuova Chrysler.
Ad affiancarlo nel management team saranno Harald Jacob Wester per l'Alfa Romeo Emea, Olivier François per Fiat Emea (a cui farà capo anche il brand marketing communication), Lorenzo Sistino per Fiat Professional Emea ( a cui sono state assegnate anche le commercial operations), Saad Chehab per Lancia/Chrysler Emea e Joe Veltri per la Jeep Emea Al Product planning, Sergio Cravero al Business development Silvia Vernetti, a Parts & Service a al Supply chain & network development Diego Pistone. Responsabile per la Turchia Ali Pandir, per la Serbia Antonio Cesare Ferrara, per Russia Project Giovanni De Filippis, per Design e style Lorenzo Ramaciotti, per Quality Mario Astengo. Ai Vehicle manufacturing Luigi Galante, a Engine & trasmission manufacturing Nicola Di Buono, Purchasing Vilmar Fistarol, Powertrain engineering Aldo Marangoni, Financial service Oddone Incisa, Legal Giorgio Fossati, Human resources Livio Milano, Communications Richard Gadeselli, Ict Gilberto Ceresa, Finance, Andrea Striglio, Compliance, Daniele Catasso. A Mauro Pierallini è affidata la responsabilità di Engineering riportando direttamente al Chief Technology Officer e funzionalmente al Coo di Emea.

Il curriculum di Gianni Coda. Ha iniziato la sua attività nel 1975 alla Tecmo di Volpiano (Torino), azienda produttrice di macchine per stampa. Nel 1979 è entrato nel gruppo Fiat, come responsabile servizio acquisti macchinari e impianti alla Teksid. Ha successivamente ricoperto incarichi di crescente responsabilità in Fiat Allis (responsabile acquisti, responsabile della società Fiat Allis Brasile), Fiat Geotech (responsabile macchine agricole) e nel 1992 viene chiamato a integrare le due realtà Fiat e Ford New Holland nel neo costituito settore macchine per l’agricoltura e le costruzioni i n qualità di vice president tractors production. Nel 1993 diventa vice president della divisione industriale macchine agricole della New Holland con responsabilità engineering, manufacturing e purchasing.
Dal 1996 è a capo della Fiat Ferroviaria, fino a quando, nel 1999, assume la responsabilità della direzione America Latina per Fiat Auto. Torna in Italia all’inizio del 2002 come responsabile della business unit Fiat/Lancia/Veicoli Industriali di Fiat Auto e nel 2004 viene nominato responsabile del purchasing di Fiat Auto. A questo incarico si aggiunge, nel luglio del 2006, la funzione di group purchasing coordination di Fiat con la responsabilità di gestire le sinergie degli acquisti di tutte le società del gruppo Fiat e di sviluppare iniziative di sourcing e politiche di acquisto innovative. Contestualmente entra a far parte del Group Executive Council di Fiat. A marzo 2008 viene costituita la società Fiat group purchasing di cui diventa amministratore delegato e direttore generale con la responsabilità degli acquisti di tutto il gruppo Fiat.