L'auto del futuro produrrà energia invece di consumarla

Enel al lavoro con Nissan per creare la vettura che durante il parcheggio potrà collegarsi alla rete elettrica per "consegnare" il frutto del viaggio

Il motore del 2000... produrrà energia invece di consumarla. Questa è la sfida lanciata da Enel e Nissan nel 2016: il sistema vehicle-to-grid, V2G in sigla, permette infatti di collegare la vettura alla rete elettrica nazionale, permettendole non solo di fare il pieno ma anche di redistribuire ad altre auto o case l'energia accumulata durante il viaggio. Queste centrali elettriche a quattro ruote permetteranno così di stabilizzare la fornitura di energia elettrica da fonti rinnovabili - per loro natura incostanti - ottimizzando la potenza della rete come delle autentiche batterie mobili.

Enel ha avviato la sperimentazione prima in Gran Bretagna, dove c'è un parto con oltre cento punti di racconta in un parco che ospita privati e flotte aziendali di Nissan Leaf. I proprietari possono rivendere l'energia nei giorni più convenienti e, dunque, usare il distibutore come un bancomat e non come una spesa. Un secondo parco, di appena dieci postazioni, è stato aperto in Danimarca sempre in collaborazione con l'azienda californiana Nuvve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Se siete iscritti alla community di Business People effettuate il login per pubblicare un commento.
Se non siete iscritti, registratevi alla community di Business People.