Strapiombo, precipizio, dirupo. Ad alcuni il solo leggere la parola fa girare la testa. Eppure molti dei più bei posti al mondo devono il loro fascino a ripide pareti verticali, di roccia, di ghiaccio o anche di lava che si stagliano su panorami divini. Sono scenari che danno respiro alle idee e ispirano grandi progetti, obiettivi che più ambiziosi non si può. È questo il loro fascino: quello di aprire le menti e permettere a chi ha il coraggio di guardare avanti di scorgere l’infinito che ha di fronte. E, per chi ha la forza di guardare giù, vedere in faccia i rischi che gli si parano di fronte. Ecco perché gli scenari mozzafiato sono l’ideale per i manager e gli imprenditori che guardano lontano: questi luoghi li obbligano pensare in grande, rendersi conto dei propri limiti e a non avere paura di fissare il vuoto. Alla fine il vuoto si trasforma da ostacolo a una sfida da superare. Ecco i più bei precipizi del mondo dove poter rinfrancare l’anima, aprire gli occhi e immaginare il futuro.

PANORAMI DA "URLO"
1. Sigiriya - Sri Lanka
È una rocca di lava su cui sorge il castello costruito dal re Kasyapa nel quinto secolo. Il massiccio, abitato fin dalla preistoria, contiene alcune grotte con disegni antropomorfi risalenti al terzo secolo.

2. Cascate Vittoria - Zambia/Zimbabwe
O Mosi-oa-Tunya (il fumo che tuona), al confine tra Zambia e Zimbabwe sono in una posizione terribile per chi soffre di vertigini: l’acqua infatti precipita in una gola stretta e profonda e il salto si può ammirare da molto vicino stando sull’altra sponda.

3. Meteore - Grecia
Sono torri naturali di roccia su cui sono stati costruiti dei monasteri ortodossi a picco sul vuoto. Sei di questi sono attivi.

4. Preikestolen - Norvegia
La chiamano il Pulpito per la sua forma squadrata a picco sul mare, che sembra essere stata tagliata con un coltello. È un blocco granitico che si è formato sul fiordo di Lysefjord 10 mila anni fa.

5. Grand Canyon - Stati Uniti
Che si guardi dal fondo delle gole scavata dal fiume Colorado o dalla loro sommità, rimane comunque uno spettacolo senza eguali. Il parco naturale è stato istituito dal presidente Theodor Roosevelt che amava scegliere questi luoghi per le sue battute di caccia ai puma.

6. Dover - Inghilterra
Le bianche scogliere (al centro di un classico del cinema diretto da Clarence Brown nel 1944) sono uno dei paesaggi più amati del Regno Unito. Cantati da musicisti e poeti, devono il loro successo anche alla straordinaria vista sulla Manica e al colore candido della loro roccia calcarea, ricca di fossili.

7. Trango Towers - Pakistan
Granito e ghiaccio contraddistinguono le torri di pietra più spettacolari dell’Himalaya. Per i meno sportivi, il Darjeeling train (sul versante indiano) è un’alternativa ai sentieri per esplorare la catena rocciosa. Nel 2007 è stato al centro di un film di Wes Anderson con Owen Wilson, Adrien Brody e Anjelica Huston, Il treno per il Darjeeling.

8. Gole del Dades - Marocco
Profonde gole del Monte Atlante, utilizzate a scopo difensivo dai berberi che qui costruivano le loro casbah, città-fortezza in terra cruda.

9. Mount Thore - Canada
Il più grande salto verticale della terra (1.250 metri con un angolo di 105 gradi) appartiene a una colossale montagna di granito che fa parte della Cordigliera Artica. Sempre sull’isola di Baffin si trova anche l’imponente Calotta di ghiaccio del penny, un ghiacciaio di 6 mila chilometri quadrati.

10. Salto Angel - Venezuela
È la cascata più alta del mondo, con un dislivello di 979 metri. Immersa nella foresta amazzonica, si raggiunge con due giorni di cammino o sorvolando l’area in aereo. È sacra agli indigeni, che la chiamano Parakupa-vena.

SPORT SUI TETTI DEL MONDO
Attenti a non mandare fuori la palla o a non uscire di strada, qui non si scherza
Burj al Arab Tennis - Dubai. Hanno fatto il giro del mondo le foto di André Agassi e Roger Federer che si affrontavano sull’eliporto di uno dei grattacieli più
alti del mondo (321 metri).
Pikes Peak Rally - Usa. Una sfida all’ultimo tornante che anima tutte le estati il Colorado fin dal 1919. Questa montagna ha ispirato a Katherine Lee Bates l’inno America the Beautiful.
Old Head of Kindsale Golf - Irlanda. Uno dei green più esclusivi al mondo vanta un panorama senza uguali sulle scogliere di Cork e sulle rovine di un castello del XV secolo. Proprio qui davanti è affondato il transatlantico britannico Lusitania durante la Prima guerra mondiale

VERTIGINOSA ITALIA
I luoghi a prova di mal d'aria dalla Alpi all'Etna
Monte Faloria (Belluno). La vista Cortina e sulle rosse montagne Tofane non teme paragoni.
Ferrovia retica nel paesaggio dell’Albula e del Bernina (Sondrio). Il treno svizzero patrimonio dell’Umanità dell’Unesco attraversa la Valtellina. La ferrovia parte da Tirano a 492 metri di quota, raggiunge i 2.257 metri dell’Ospizio del Bernina e scende fino ai 1.777 di Pontresina. È una delle più ripide al mondo.
La Scala dei Turchi (Agrigento). Bianca scogliera battuta dai venti in una baia spesso scelta dai pirati saraceni per gettare l’ancora durante le loro incursioni in Sicilia.

ALTA CUCINA AD ALTA QUOTA
Il miglior ristorante off limits per chi soffre di vertigini?
I critici non hanno dubbi è l’Eagle’s Eye sul picco del Kicking Horse (2.350 metri, Canada). Si mangia in una terrazza naturale a strapiombo sui parchi naturali della British Columbia. Tra le specialità, l’halibut in crosta di pistacchio con patate tartufate.