Cos’hanno in comune Tokyo, Singapore, Osaka, Stoccolma e Amsterdam? Il fatto di essere le cinque città più sicure del mondo. Secondo l’Economist's Safe Index 2015 queste metropoli sarebbero a prova di crimine, assicurando ai propri cittadini una vita serena al riparo da minacce.

La ricerca, realizzata dall’Intelligence Unit dell’Economist’s , ha valutato 50 grandi centri urbani del mondo esaminandoli secondo alcuni parametri come sicurezza digitale, sicurezza sanitaria, infrastrutture e incolumità delle persone.

LA TOP FIVE. Al primo posto della classifica si trova Tokyo, con i suoi 13,3 milioni di abitanti, che si posiziona prima anche nelle sezioni “sicurezza digitale” e “sicurezza delle infrastrutture”. Seconda, invece, è Singapore che si qualifica prima nella categoria “sicurezza delle persone”, dal momento che, come riferito dalla Bbc nel 2013, i livelli di criminalità della metropoli sono ai minimi da decenni, grazie alle pene severe contro reati di ogni livello.
Al terzo posto Osaka, medaglia d’argento nella categoria della “sicurezza delle persone”. In quarta e quinta posizione, a rappresentare l’Unione Europea, Stoccolma e Amsterdam. La capitale della Svezia si è aggiudicata il settimo posto nella categoria sicurezza digitale ed è l’unica metropoli non asiatica a rientrare nella Top 5 della sezione “sicurezza personale”. Amsterdam, invece, si è posizionata quarta nella sezione “sicurezza delle infrastrutture”, grazie alla massiva mobilità in bicicletta che le ha consentito sia di ridurre il numero di incidenti stradali che di diminuire l’inquinamento atmosferico.

La Top 10:
1. Tokyo
2. Singapore
3. Osaka
4. Stoccolma
5. Amsterdam
6. Sydney
7. Zurigo
8. Toronto
9. Melbourne
10. New York City