Si terrà sabato 22 e domenica 23 marzo 2014 la 22/a edizione delle Giornate Fai di Primavera, manifestazione che consente al grande pubblico di visitare luoghi del patrimonio culturale, artistico e storico italiano poco noti o normalmente chiusi. Dalla sua prima edizione sono stati oltre 7 milioni gli italiani che hanno partecipato.

Quest’anno saranno più di 750 i luoghi aperti in tutte le regioni d’Italia. Si tratta in particolare, di 177 luoghi di culto, 136 palazzi e ville, 16 borghi e quartieri, 43 castelli e torri, 78 piccoli musei, archivi e biblioteche, 20 parchi, giardini e boschi, 50 aree archeologiche, 28 teatri. Una parte dei monumenti (ben 120) racconta la storia dell'imperatore Augusto, di cui ricorre il bimillenario della morte. In quasi tutte le regioni d’Italia si potranno visitare scavi, musei, anfiteatri, terme che ricordano la Roma imperiale.

Nella capitale, per esempio, si potrà accedere al Mausoleo di Augusto (la tomba è chiusa da anni), al teatro di Marcello (dedicato dall'imperatore al nipote morto giovane) e al Foro di Augusto. Ad accompagnare i visitatori ci saranno anche 22 mila studenti che descriveranno gli aspetti storici e artistici dei diversi luoghi e monumenti. Le giornate di primavera sono per il Fai (Fondo Ambiente Italiano) anche l'occasione per raccogliere fondi a sostegno delle sue iniziative di conservazione e di divulgazione. Durante le visite sarà possibile versare, infatti, un contributo libero oppure inviare, fino al 23 marzo, un Smsda 1 euro al 45595. Un altro modo per sostenere il Fai è iscriversi e sarà possibile farlo anche nei luoghi di visita dove saranno collocati degli appositi banchetti. La manifestazione ha ottenuto il patrocinio anche di aziende come Ferrarelle, Mercedes e Banca Generali che hanno contribuito con la loro sponsorizzazione. L'elenco completo dei monumenti visitabili è disponibile al sito www.giornatefai.it/luoghi.