Roma © iStockPhoto.com/Angelafoto

Roma continua a essere la capitale, anche turistica, del nostro Paese

Con una crescita di un solo punto percentuale rispetto al 2011, il giro d’affari delle attrazioni turistiche in Italia si è attestato nel 2012 su un valore di circa 1,4 miliardi di euro, per un totale di 126,7 milioni di visitatori (+2%), con una predilezione per i musei (39 milioni, con una previsione vicina ai 50 milioni di visite nel 2017) e i parchi nazionali (oltre 28 milioni di visitatori).
Secondo i dati di Euromonitor International, anche nel prossimo quinquennio, il trend di crescita appare costante, con una stima di 1,5 miliardi di euro (oltre 500 milioni derivanti da casinò e più di 600 tra teatri e parchi di divertimento) e circa 146,8 milioni di visitatori entro il 2017. Tra le location, i Musei Vaticani restano tra le più ambite, con oltre 3,9 milioni di visitatori nel 2012 (3,7 milioni nel 2007), superati solo da un’altra meta romana, il Colosseo, i cui ingressi sono saliti dai 2,7 milioni nel 2007 a quasi 4,6 milioni. Resistono, nonostante il degrado, gli scavi di Pompei, con due milioni di visitatori circa, distanziando siti come il Pantheon (1,14 milioni) o la Galleria degli Uffizi (1,5 milioni circa, in leggera crescita rispetto al 2007). Al turismo culturale si affianca quello più ludico dei parchi di divertimento: in testa, Gardaland (Castelnuovo del Garda), con 2,9 milioni di spettatori, e Mirabilandia (Ravenna), a quota 1,6 milioni.

ARTICOLO PRINCIPALE - Business travel in salita