BusinessPeople

L'Italia in mare

L'Italia in mare Torna a Crociere sulla cresta dell'onda
Mercoledì, 15 Luglio 2015

Tira aria di ripresa nei porti italiani. Dopo un 2014 in chiaroscuro con 10,4 milioni di crocieristi movimentati nei 45 scali italiani, l’8,2% in meno rispetto l’anno precedente, il 2015 viaggia con il vento in poppa. E le stime parlano di un aumento del 5,4% dei passeggeri che sbarcheranno nei nostri 45 scali. In questo ritorno alla crescita è la Liguria a guadagnare la leadership tra le regioni italiane, con 2,4 milioni di passeggeri movimentati (+4,7% sul 2013) e 930 toccate nave (+12,2%), che valgono il 22,9% del traffico crocieristico nazionale.

Pronti a (ri)partire anche i passeggeri italiani. Nel 2014 l’Italia ha “spedito” al largo 842 mila crocieristi (erano 869 mila nel 2013), perdendo così il 3,1% dei viaggiatori imbarcati. Il Belpaese mantiene pur sempre il terzo posto nella classifica europea, dietro alla Germania, primo mercato in Europa con 1,77 milioni di passeggeri, in aumento del 5%, e Inghilterra, 1,64 milioni, però in discesa del 4% rispetto all’anno precedente. L’Italia, malgrado qualche acciacco dovuto alla crisi, resta la prima destinazione europea per l’industria delle crociere. E il contributo all’economia nazionale è di oltre 4 miliardi di euro l’anno.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2021 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media