Le due opere di Canaletto all'asta:
“Veduta del Canal Grande da Santa Croce verso gli Scalzi”
“Veduta di Campo San Geremia”

Domani a Milano un’asta eccezionale. La sede milanese della casa d’aste inglese Southeby’s sarò lo scenario di una vendita di dipinti del Settecento nella quale spiccano due capolavori del Canaletto di una qualità che ha ben pochi precedenti nelle aste pubbliche italiane: la “Veduta del Canal Grande da Santa Croce verso gli Scalzi” e la “Veduta di Campo San Geremia”. Le due opere fanno parte di una serie di 20 vedute Veneziane (di cui quattro sono custodite al Metropolitan Museum di New York), che Giovan Antonio Canal detto il Canaletto dipinse intorno al 1738 su commissione del nobile inglese Charles Spencer, terzo Duca di Marlborough.
La vendita di queste due importanti opere sarà però soggetta ad alcune restrizioni. Le due vedute notificate in coppia dal ministero dei Beni Culturali, non solo non potranno lasciare l’Italia, ma dovranno essere acquistate insieme. Tale notifica avrà, senza dubbio, un effetto calmierante sui prezzi. La coppia è, infatti, stimata tra i 4,5 e i 5,5 milioni di euro. Se la vendita fosse libera le cifre probabilmente sarebbero diverse. Nel 2005 una imponente veduta veneziana del Canaletto è stata aggiudicata da Sotheby's a Londra per la cifra record di 18,6 milioni di sterline (21,2 milioni di euro).
Non solo Canaletto; l’asta proporrà la vendita anche di altre opere di primo piano. Dalla veduta di Venezia, “L’andata del Bucintoro verso Nicolò del Lido”, di Francesco Guardi ad un’insolita Crocifissione di Giambattista Tiepolo.