© C. Leone

Lapo Elkann

Quali sono le tendenze per la stagione autunno-in­verno 2009-2010? Quali i materiali e i colori su cui si punterà?

La tendenza di Italia Independent per la prossima sta­gione continua a essere la voglia di mixare creativamen­te tradizione e innovazione, attraverso la reinterpretazio­ne di alcuni capi icona. Unire quindi tagli sartoriali con materiali tecnici, tessuti pregiati con influenze freestyle. Per la prossima stagione la nostra ricerca è rivolta a ma­teriali sempre più leggeri e performanti come il comfort termico (considerato il global warming privilegiamo tes­suti sempre più traspiranti per tutte le stagioni) e sopra­tutto tessuti tridimensionali e sempre più “attivi” nel­l’adattarsi a diverse situazioni climatiche. Per quanto concerne i colori, I-I è autonomo rispetto all’isterica ri­cerca del fashion system del colore di moda: una perso­na elegante e indipendente come il nostro uomo predili­ge alcuni colori o tonalità che ama particolarmente e che sa abbinare a seconda del suo essere, e questi non sono certo definibili in una maniera globale e massificata.

In un momento in cui si parla quasi esclusivamen­te di crisi economica come si muove il mondo-moda e su cosa punta?

Questo periodo di crisi deve spingere tutti quanti a pun­tare tutto sulla qualità, sull’innovazione e sul virtuosi­smo creativo e produttivo che caratterizza il nostro made in Italy.

C’è un’icona del mondo del cinema e dello spettaco­lo di oggi o di ieri in cui si identifica meglio il brand e per quali motivi?

Non esiste un’icona di riferimento, ma scene, episodi o film interi che possono essere interpretati da ognuno di noi in maniera autonoma e indipendente. Cerchiamo di non legarci a testimonial di riferimento ben precisi.