© Getty Images

Un’immagine dell’ultima sfilata Gucci in occasione di Milano Moda Uomo 2013

Facilitare l’accesso al credito delle aziende del made in Italy. È questo l’obiettivo dell’accordo che Gucci ha raggiunto con Banca CR Firenze, la banca di riferimento del gruppo Intesa Sanpaolo sul territorio. L’accordo, subito operativo, ha l’obiettivo di rendere più fluido l’accesso al credito bancario per le imprese appartenenti alla filiera prodotto finito pelletteria Gucci. Un indotto che conta circa 750 fornitori e 1.500 subfornitori per un totale di circa 45mila addetti.

La collaborazione si basa sulla condivisione informativa tra banca e azienda leader di filiera. In pratica per fornitori e subfornitori Gucci l’accesso al credito sarà legato non solo a fattori prettamente economici, ma anche alla valutazione della qualità del fornitore effettuata da Gucci. Un rating qualitativo che si basa su diversi parametri, tra cui l’affidabilità del fornitore e la qualità delle sue performance, la capacità di rispettare gli standard quali/quantitativi fissati nel contratto di filiera e l’appartenenza ad un indotto produttivo di rilievo. Banca CR Firenze valorizzerà questi aspetti intangibili che costituiscono il primo patrimonio di un’azienda e rappresentano la sua migliore garanzia di successo per il futuro.