©GettyImages

Brunello Cucinelli e l’Arco Etrusco di Perugia

Dopo Diego Della Valle e il Colosseo, Renzo Rosso e il ponte di Rialto, continua il trend degli imprenditori della moda che si ergono a mecenati dell’arte. Brunello Cucinelli finanzierà il restauro dell’Arco Etrusco di Perugia. È infatti quella della Brunello Cucinelli Spa l’unica offerta giunta al comune umbro relativa all’avviso pubblico per la ricerca di sponsor privati per il finanziamento dell’intervento. Un’offerta, che con il suo milione e 100mila euro, copre l’intero importo necessario all’esecuzione dell’opera.

«Un segnale positivo - ha commentato il sindaco di Perugia Wladimiro Boccali - di come l’imprenditoria locale possa e debba partecipare attivamente alle vicende cittadine, ancor più in una fase estremamente difficile per i Comuni su cui ricadono le conseguenze, pesanti e negative, dei tagli ai trasferimenti agli enti locali». In cambio del finanziamento del restauro alla società Cucinelli “i diritti di esclusiva per l’uso di immagini, logo, spazi e informazioni, relativamente alla sola iniziativa di restauro”. Praticamente si dà al brand della società la possibilità di inserire il logo e il marchio dello sponsor nel ponteggio e nelle recinzioni di cantiere - in forme compatibili con il carattere artistico e storico e l’aspetto e il decoro del bene – e di sviluppare una campagna informativa e di comunicazione dell’iniziativa.