Sempre più italiani amano il rugby. Da qui, la decisione del gruppo Discovery di comprare i diritti della più importante competizione internazionale di rugby, il Rbs 6 Nazioni, e trasmettere tutte le dirette delle partite in chiaro sul proprio canale Dmax (posizione 52 sul digitale terrestre free, 28 su TivùSat). Una copertura mai vista in Italia, che andrà a superare le 40 ore di messa in onda. A queste, inoltre, si aggiungerà la diretta streaming sul sito www.dmax.it e un cotè di rubriche e approfondimenti, come i magazine Rugby Social Club Anterprima e Rugby Social Club Extra , rispettivamente on air il venerdì e il lunedì.
La telecronaca delle partite è affidata a Vittorio Munari e Antonio Raimondi. Tra i volti di punta, anche lo Chef Rubio. "Abbiamo scelto di puntare su questa disciplina perché, dalle nostre ricerche, il rugby risultava sempre nella Top3 degli sport più amati dal pubblico di Dmax", spiega l’ad di Discovery Italia, Marinella Soldi. "Il nostro canale è il sesto sul target uomini 20-49 anni, e il decimo sul totale individui".

Per le due partite in casa, ossia Italia-Scozia (22/2) e Italia-Inghilterra (15/3), la Federazione Italiana Rugby ha già venduto complessivamente 90 mila biglietti. "Il nostro obiettivo è arrivare a 120 mila, ossia a 60 mila partecipanti a partita", dichiara il presidente della Fir Alfredo Gavazzi. L’evento ha inoltre fatto incetta di sponsor: "Nonostante la difficile congiuntura economica, tutti gli sponsor hanno rinnovato il contratto e a loro se ne sono aggiunti due nuovi: NH Hotel e Maurer", conferma Gavazzi.