Video, immagini, account Twitter e sito dedicato. È un’A.S. Roma che guarda al futuro quella che questa mattina, nel Comune della Capitale, ha presentato il progetto “Stadio della Roma”, mettendo finalmente su carta un progetto da tempo nel cassetto della proprietà americana del club giallorosso. L’impianto avveniristico sorgerà a Tor di Valle e sarà costituito da 52.500 posti – espandibile fino a 60.000 in occasione di partire internazionali ed eventi speciali –; sarà finanziato privatamente. Lo stadio, come sottolineato dal presidente dell’A.S. Roma, James Pallotta, è parte centrale della visione e strategia della nuova proprietà, che punta a posizionare il club tra i protagonisti assoluti del calcio globale. LE IMMAGINI

UN VILLAGGIO GIALLOROSSO. Accanto al nuovo stadio sorgerà una struttura che ospiterà gli allenamenti della squadra. Il complesso comprenderà due campi regolamentari, un campo di piccole dimensioni, palestre e strutture di riabilitazione fisica, progettati per garantire al club tutti gli strumenti necessari per competere ai massimi livelli. Inoltre, attorno allo “Stadio della Roma” è prevista un’area di intrattenimento. Questo spazio sarà attivo sette giorni su sette e ospiterà visitatori italiani e stranieri, grazie alla presenza di numerose boutique, ristoranti e spazi per eventi. “E’ estremamente importante che l’intero progetto preveda strutture per lo sport, l’intrattenimento, negozi e ristoranti per gli abitanti di Roma disponibili tutto l’anno”, ha detto Pallotta. “Affinché lo stadio sia una struttura di successo al giorno d’oggi deve diventare parte della vita quotidiana delle persone”.
Progettato dal celebre architetto Dan Meis, lo Stadio della Roma sarà tecnologicamente tra i più evoluti in Europa e, inoltre, sostenibile grazie a un processo di certificazione ecologica.
Lo stadio è progettato per essere inaugurato all’inizio della stagione calcistica 2016/2017. L’iter prevede l’ottenimento dei permessi necessari alla realizzazione dell’impianto.