BusinessPeople

La storia del basket italiano: una parabola al femminile

La storia del basket italiano: una parabola al femminile Torna a Basket: Olimpia Milano compie 80 anni
Lunedì, 07 Marzo 2016

La nascita del basket in Italia è una storia al femminile. È il 1907 quando Ida Nomi, membro della commissione tecnica femminile della Federginnastica, traduce in italiano le regole e diffonde il gioco, che viene chiamato “palla al cesto”. Nel 1920, per iniziativa di Manlio Pastorini, la Federginnastica ammette il nuovo sport tra le sue discipline e dà il via al primo campionato nazionale (vinto dalla Forza e Costanza Brescia). Il 23 novembre 1921, nella Birreria Colombo di Milano, è approvato lo statuto costitutivo della Federazione italiana Basket-Ball (Fib), oggi denominata Federazione italiana pallacanestro (Fip) e presieduta da Giovanni Petrucci.
Il basket è uno degli sport più amati dagli italiani. È la terza disciplina, dietro a calcio e pallavolo, per numero di tesserati. Nell’indagine Istat Coni del 2014, risultavano iscritti 313 mila atleti. Per seguito di tifosi la pallacanestro è in realtà il secondo sport nazionale, con più di un milione di supporter che affollano i palazzetti sportivi per seguire la propria squadra del cuore. I problemi, tuttavia, non mancano. Con il fallimento della Mens Sana Siena, due anni fa, si è chiusa l’epopea di una delle protagoniste (otto titoli su dieci campionati) dell’era moderna. E non è la prima volta che una società alza bandiera banca. È successo a Treviso, poi a Bologna (Virtus prima e Fortitudo poi), Napoli e Reggio Calabria, a conferma delle difficoltà dello sport nel reperire fondi e sponsorizzazioni. A differenza del calcio, infatti, la pallacanestro vive di incassi al botteghino e di sponsor, mentre i diritti televisivi sono quasi inesistenti. Il budget dell’Armani, per fare un esempio, copre più della metà di quelli di tutte le altre squadre di Serie A messi insieme.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media