La famosa haka degli All Blacks. Al centro il capitano Richie McCaw

La vittoria degli All Blacks nella Rugby World Cup 2015 fa schizzare il valore del brand dei tuttineri a livello delle principali squadre di calcio. Lo dice un studio di Brand Finance, società di consulenza strategica specializzata nella valutazione dei marchi, che prima del mondiale aveva stimato in 132 milioni di dollari il peso del marchio della nazionale neozelandese. La vittoria londinese ha aggiunto altri 37 milioni portandolo a quota 169 milioni. In un momento storico particolare, con la Coppa del mondo ormai assestatasi al terzo posto tra i grandi eventi sportivi globali e in attesa del ritorno della palla ovale alle Olimpiadi a Rio 2016 - anche se in versione Seven - il brand All Blacks sembra non avere limiti e in pochi anni grazie all'attenzione di sponsor e media potrebbe toccare quota 500 milioni.

Leggi anche 

POTENZIALE E LIMITI. La maggior parte dei ricavi degli All Blacks sono dovuti sia all'ampia varietà di sponsor - come Bulgari e Iveco - agli accordi tv e al merchandising. sia ai buoni accordi sui diritti televisivi, sia al fortissimo merchandising. «La nazionale neozelandese ha il 77% di percentuale di vittoria, cioè quasi il massimo che concretamente uno sponsor può sperare di ottenere. Gli All Blacks sono il sogno degli sponsor anche fuori dal campo, infatti sono noti per correttezza, sportività e disciplina», commenta Bryn Anderson, responsabile della Sports Marketing Unit di Brand Finance. Qualcosa in più si sarebbe potuto già fare, ma «gli accordi già definiti con Adidas e Sky Tv, non saranno negoziabili per almeno altri tre anni», sottolinea Anderson.

LIVELLI PALLONARI. Se la federazione neozelandese, finora molto conservatrice, saprà sfruttare il prossimo quadriennio, il brand All Blacks arriverà a valere 500 milioni di dollari entro Giappone 2023. «Stiamo parlando di valori molto alti per uno sport non ancora popolare come il calcio, anche se in forte crescita. Il brand value degli All Blacks, che prima del torneo, valeva poco meno di quello dell’Olympique di Marsiglia ora ha superato quello dell’Inter e si sta avvicinando a quello del Galatasaray», conclude Massimo Pizzo, Managing Director Italia di Brand Finance, «secondo le nostre previsioni, a breve questo brand raggiungerà i valori del Paris Saint-Germain e del Liverpool, rispettivamente al 10° e al 9° posto nella nostra classifica dei brand delle squadre di calcio (scoprila qui).