Tokyo © KAZUHIRO NOGI/AFP/Getty Images

Sarà Tokyo a ospitare i Giochi Olimpici del 2020. A deciderlo il Comitato olimpico internazionale riunitosi a Buenos Aires. Sbaragliata la concorrenza delle altre due capitali in lizza: Istanbul e Madrid. Se la capitale spagnola, che si candidava per la terza volta consecutiva, esce alla prima votazione (o meglio al ballottaggio della prima votazione) ferma a quota 45 contro i 49 punti di Istanbul; a incoronate Tokyo il secondo voto con un esito finale inequivocabile: 60 a 36.

Fra sette anni quindi le Olimpiadi saranno di scena nella capitale giapponese, come successe per la prima volta nel 1964. A influenzare la decisione del Cio in favore di Tokyo un progetto verde che culminerà nella costruzione (in realtà l’inaugurazione è fissata per il 2019 con i Mondiali di rugby) di uno stadio Olimpico alimentato a energia solare. Un impianto da 80mila posti progettato dall’irachena Zaha Hadid. Il Giappone ha ospitato anche due volte i Giochi Invernali (Sapporo nel 1972 e Nagano nel 1998).

Con una città asiatica scelta per il 2020, può tornare ora d’attualità la candidatura, ipotizzata dal Coni, di Roma per i Giochi del 2024.