BusinessPeople

Creatore di emozioni

Creatore di emozioni Torna a Sogni da guidare
Giovedì, 30 Luglio 2015

Filippo Perini, capo del design Lamborghini, è l’uomo del futuro. Con la collaborazione di dieci giovani stilisti, che provengono dalle più importanti scuole di design di Italia, Argentina, Colombia, Germania e Lituania, sta creando lo stile che caratterizzerà le sportcar più emozionanti dei prossimi decenni. Le basi sono già state poste e si chiamano Aventador e Asterion, la prima Lamborghini ibrida.

Da dove nasce l’ispirazione per l’Aventador?
Dalla spettacolare fluidodinamica dei caccia americani F16 e F 117 Stealth, che già avevano dato vita alla Reventon. Ma anche dalle linee contraddittorie di alcuni cristalli che stupiscono per le loro forme spigolose e arrotondate al tempo stesso.

Quanto è diversa l’Asterion?
Rappresenta la Lamborghini borghese, la gran turismo classica, la dimostrazione che siamo in grado di progettare sportcar eleganti, ma sempre Lamborghini per la tecnologia e le prestazioni: motore V10 5.2 da 610 cv più due motori elettrici da 150 cv ciascuno. Fila come un caccia e assicura 50 km di autonomia a emissioni zero.

La sfida più grande?
Fare qualcosa che rispetti la storia del brand, lo spirito Lamborghini, costruito attraverso auto iconiche come Miura, Diablo, Countach, Murcielago, Aventador. Oggi le regole di omologazione, le norme salvapedone complicano tutto. A volte dobbiamo fare modifiche per conformarci alle regole del mercato cinese o canadese.

Quando ha scoperto di amare le auto?
Da piccolo, quando a scuola facevo solo schizzi d’auto. Una volta l’insegnante mi ordinò di uscire a disegnare un ambiente esterno. Quando le mostrai il lavoro, mi accorsi che avevo disegnato un bel parcheggio, con tante automobiline…

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media