Sull’A3 Salerno-Reggio Calabria, viene riaperta una carreggiata, è quella del Viadotto Italia. Ricorderete tutti quello che è avvenuto il 2 marzo. Il drammatico crollo di una parte della struttura con più scandali alle spalle, una struttura infinita per tempo di creazione, ormai ridefinita l'autostrada "maledetta". Un piccolo segnale positivo però, finalmente, è arrivo. Da pochi giorni è stata riaperta al traffico, a doppio senso di circolazione, la carreggiata nord del Viadotto Italia. Un'arteria di fondamentale importanza situata nei pressi di Cosenza, che verrà sfruttata soprattutto durante l'esodo estivo. In merito, prende parola Graziano Delrio, ministro dei Trasporti: "Nonostante le gravi difficoltà infrastrutturali di quest’anno abbiamo lavorato con la maggiore efficienza e rapidità possibile per dare risposte concrete alla cittadinanza direttamente coinvolta e agli italiani in viaggio, la riapertura è una prima risposta, che permette comunque l’afflusso da e per la Calabria e la Sicilia dei mezzi su gomma e che è stata accompagnata nelle scorse settimane da iniziative di raccordo con le amministrazioni, la procura e i vari soggetti coinvolti. Queste esperienze, che stiamo gestendo, ci hanno indotto, d’accordo con il presidente e amministratore delegato di Anas, Gianni Vittorio Armani, a cambiare verso alla nostra azione riguardo le infrastrutture pubbliche e di mettere al primo posto la manutenzione delle opere esistenti e il completamento delle opere iniziate”. Troppi ormai, specialmente al sud Italia, sono i cedimenti strutturali di opere create anche in periodi recenti. Occorre riflettere su quanto accaduto e sta accadendo in una terra che troppe volte è stata abbandonata al caso. Perché nessun crollo avviene mai casualmente e a maggior ragione se i crolli sono plurimi a poca distanza uno con l'altro. Prevenire potrà far risparmiare soldi, vittime e brutte figure del nostro paese in giro per il mondo.