Calano i prezzi delle polizze Rc auto e si riduce il divario Nord-Sud. Nei giorni di Tasi e Imu, una buona notizia per gli italiani arriva dall'Osservatorio RC Auto di Facile.it e Assicurazione.it che ha analizzato i prezzi delle assicurazioni a maggio: -16,5% negli ultimi sei mesi, mentre nell'ultimo anno la spesa media è stata di 524,26 euro, addirittura il 21,08%.

NUOVI PRODOTTI. «Prosegue da almeno sei mesi la forte riduzione del costo delle polizze Rc auto», afferma Mauro Giacobbe, a.d. di Facile.it, «perché è costante, in un periodo di conclamata difficoltà economica delle famiglie italiane, il tentativo delle compagnie di studiare prodotti validi per gli assicurati e al contempo competitivi dal punto di vista dei prezzi. La comparazione, vista da questa prospettiva, appare come fondamentale, dato che il confronto delle offerte ha permesso, nello scorso trimestre, di risparmiare fino al 71% sulla polizza auto».

Per quanto riguarda le garanzie accessorie, la più richiesta rimane l’assistenza stradale, che cresce ulteriormente rispetto all’ultima rilevazione: questa opzione è stata inserita dal 31,62% degli italiani che hanno richiesto un preventivo (era il 28,46% a febbraio 2015). Segue la garanzia in caso di infortunio al conducente, presente nel 25,98% dei preventivi. La tutela legale è la terza per numero di preferenze, con il 19,7%. Cala leggermente l’interesse degli italiani per la polizza di furto e incendio,scelta dal 10,9% di chi ha richiesto un preventivo.

DA REGIONE A REGIONE. I cali generalizzati di riflesso riducono il divario tra Nord e Sud. La Campania è sempre la regione dove per assicurare l’auto si deve pagare di più, 838,37 euro, ma la discesa dei prezzi registrata nella precedente rilevazione è confermata anche a maggio 2015: il calo è pari al 32,91% rispetto a sei mesi fa e quasi al 40% rispetto a un anno fa. A seguire troviamo la Puglia (646,35 euro) e la Calabria (626,80 euro). Le regioni più convenienti per chi deve assicurare un’auto sono il Trentino-Alto Adige (369,06 euro), il Friuli-Venezia Giulia (470,40 euro) e la Valle d’Aosta che, con un premio medio di 371,54 euro, è stata la regione con il calo annuale più contenuto (-7,47%).

I prezzi medi regione per regione:

  Premio medio in euro % -6 mesi % -12 mesi
Abruzzo 521,68 -9,92 -12,33
Basilicata 489,04 -9,64 -18,92
Calabria 626,8 -28,05 -34,81
Campania 838,37 -32,91 -39,98
Emilia Romagna 490,93 -12,01 -17,27
Friuli-Venezia Giulia 370,4 -13,89 -15,58
Lazio 531,8 -15,73 -19,19
Liguria 535,61 -11,94 -14,98
Lombardia 424,42 -8,88 -13,25
Marche 482,46 -17,43 -19,72
Molise 462,42 -15,89 -16,87
Piemonte 488,73 -8,29 -12,99
Puglia 646,35 -30,46 -37,35
Sardegna 450,33 -16,76 -21,79
Sicilia 547,72 -20,27 -27,69
Toscana 581,56 -13,7 -17,07
Trentino-Alto Adige 369,06 -18,64 -22,89
Umbria 491,64 -15,17 -22,36
Valle d'Aosta 371,54 -7,46 -7,47
Veneto 430,57 -12,23 -17,08
ITALIA 524,26 -16,53% -21,08%