BusinessPeople
Giovedì, 16 Giugno 2022
Zero Fx

A fronteggiare lo sciame di moto elettriche “Made in China” che sta invadendo l’Europa è una sorta di Società delle Nazioni dei kilowatt. La due ruote a motore elettrico più venduta in Italia nel 2021, per esempio, batte un marchio del tutto sconosciuto a chi non vive solo di pane e moto. È quella della tedesca Tinbot, che ha imposto come best seller di nicchia la sua Esum Pro S 5.0, telaio e motore progettati in Germania, dotata di propulsore da 14,75 cavalli di potenza massima. Le batterie assicurano, secondo quanto dichiarato dal costruttore, un’autonomia di 130 chilometri, ovviamente viaggiando in modalità economy , la velocità massima è di 95 all’ora e il prezzo di circa 6.450 euro. Piazzatissima nella top five, poi, la Zero Fx, una californiana Doc nata da un’idea dell’ex ingegnere della Nasa, NealSaiki. È snella, atletica e pronta a mangiarsi i percorsi in fuoristrada grazie a una potenza massima di 44 cavalli. La batteria agli ioni di litio promette di durare qualcosa in più di 100 chilometri e ha tempi di ricarica piuttosto lenti, nove ore e rotti se attaccata alla normale presa di corrente del box. In compenso la scrambler Zero fila veloce fino a 137 chilometri orari. Il prezzo è di circa 13mila euro, ma è obbligatorio aggiungerne altri 900 per il caricatore rapido che riduce il tempo del pieno di watt a quattro ore. E l’Italia? È in grado di dire la sua grazie soprattutto alla veneta Askoll che ha sede a Dueville in provincia di Vicenza, azienda da una ventina di milioni di euro di fatturato all’anno, che propone la triade di scooter composta dai modelli NgS1, NgS2 e NgS3 con prezzi compresi tra 2.590 e 4.290 euro senza bonus. Il più appetibile è, ovviamente, anche il più costoso con un’autonomia che può superare i 90 chilometri e una velocità massima di 66 chilometri orari.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media