© GettyImages

Una Maserati aspetta il via in Piazza della Loggia a Brescia nell'edizione 2010

La Mille Miglia come patrimonio culturale mondiale Unesco? Perché no. L’idea è del sottosegretario ai Beni artistici e culturali, Francesco Maria Giro che in occasione dell’edizione 2011 di una delle più suggestive gare del mondo punta a riaffermare la Mille Miglia come simbolo delle eccellenze italiane a livello internazionale. “La Mille Miglia - ha detto Giro - appartiene a pieno titolo al nostro patrimonio culturale e per questo l'inserimento fra i beni Unesco è opportuno”. E mentre gli organizzatori sognano il patrocinio Unesco, i 378 concorrenti ammessi alla corsa si preparano alla partenza del 12 maggio. (scarica la lista dei partecipanti). Tra loro anche l'ex calciatore dell'Inter e della nazionale tedesca, Lothar Matthaus, il pluricampione del mondo di motociclismo Giacomo Agostini e il pilota finlandese Mika Hakkinen che farà coppia con il nipote di Manuel Fangio a bordo della stessa vettura guidata dal pilota argentino nell'edizione del 1955 della Mille Miglia. Non mancheranno anche i protagonisti del mondo dello spettacolo: oltre alla modella romena Madalina Ghenea (madrina dell’evento), al volante di una Bmw 328 Roadster 1939 ci sarà anche l'attore britannico Rowan Atkinson (conosciuto per il suo personaggio Mr Bean), reduce dal matrimonio di William e Kate Middleton del 29 aprile.

Photogallery, le auto ai nastri di partenza

Lungo lo storico percorso Brescia-Roma-Brescia (arrivo previsto per il 14 maggio) le 378 vetture, costruite tra il 1927 e il 1957 e selezionate tra oltre 1400 richieste, attraverseranno di corsa sette regioni, 177 comuni e San Marino, toccando alcuni tra i paesaggi più suggestivi d'Italia. Tra le tappe più importanti di quest'anno la novità è Modena dove le vetture sfileranno davanti alla casa natale di Enzo Ferrari oggi diventata Museo.

IL PERCORSO
L’itinerario Brescia-Roma, e ritorno, attraversa girando in senso orario le strade classiche della Mille Miglia e tocca sette regioni: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Umbria e Lazio, all’andata, a cui si aggiunge la Toscana al ritorno. Il percorso 2011 propone il suggestivo attraversamento di alcune tra le più belle città d’Italia. Oltre a Brescia e Roma, assisteranno al passaggio della Mille Miglia anche Desenzano del Garda, Verona, Cento, Gambettola, Sansepolcro, Spoleto, Rieti - all’andata - e Viterbo, Siena, Firenze, Bologna, Reggio Emilia, Parma e Cremona al ritorno. Sono previste nuove prove cronometrate in Umbria, all’andata, e in programma anche nuove prove speciali in Toscana al ritorno.