McLaren P1

Comunemente si tende a considerare la Formula 1 come uno sport elitario e, a parere di molti, inutilmente rischioso. In effetti, se si guarda alla massima competizione automobilistica con occhio superficiale non c’è molto altro da notare al di fuori della spettacolare gara di velocità. Ma dietro quelle auto che si rincorrono, confinate in budelli più o meno tortuosi, dietro i vaporosi spruzzi di champagne sul podio, ci sono studi e sperimentazioni, che prima o poi finiscono per essere adottati anche nella produzione di serie.
Per McLaren Group la divisione Racing è un vero e proprio laboratorio, in cui si procede allo sviluppo di auto stradali di certo non alla portata di tutti, ma che riempiono di ammirazione gli appassionati. Infatti, il ramo della holding dedicato al settore automotive ha presentato al Salone di Parigi la supercar McLaren P1, un modello decisamente sopra le righe, che per il momento è solo uno studio di design. Tuttavia la casa britannica rende noto che il prossimo anno sarà messa a punto una versione destinata al mercato, la cui distribuzione partirà nel corso dei 12 mesi successivi, per festeggiare il cinquantesimo anniversario del marchio. La notizia fa scalpore, dal momento che, per questo modello sembra proprio che McLaren Automotive abbia sfoderato l’artiglieria pesante. McLaren P1 la photogallery
A svelare gli obiettivi di questo progetto ambizioso è Ron Dennis in persona. “Vent’anni fa abbiamo alzato la posta nel gioco delle supercar con la McLaren F1. – ha dichiarato l’executive chairman di McLaren Automotive - Il nostro obiettivo con la McLaren P1 è ridefinire tale livello”. Tale manifesto programmatico è stato perfezionato dall’a.d. Antony Sheriff, che ha definito la P1 “l’auto da strada prodotta in serie più veloce e più gratificante su circuito”, nonché “la supercar più entusiasmante, competente, tecnologicamente avanzata e dinamicamente riuscita mai prodotta”.

SALONE DI PARIGI 2012 - LE NOVITA'