Il miracolo Fiat Chrysler è già finito? Fortuna che c'è la nuova Ferrari

La nuova 12 cilindri 812Superfast debutterà al Salone di Ginevra

Guai in vista per Fiat Chrysler. A dirlo sono le valutazioni di Brand Finance sul mondo dei brand automobilistici: la maggior parte dei marchi di casa Fca figura infatti tra i peggiori performer 2017. Non pesano i numeri passati, in crescita con un aumento della quota di mercato oltre il 6%, ma le prospettive di vendita e la scarsa forza dei brand. Fiat scivola al 49esimo posto dal 13esimo, perdendo il 64% del suo valore. Jeep cade al 52esimo (era 25esimo) con un -56%. Seguono Maserati (70) e Chrysler (78), non pervenute Lancia e Alfa Romeo nella top 100.

In termini di valore assoluto, invece, comanda sempre Toyota, cresciuta del 7% fino a 46 miliardi di dollari nonostante il sorpasso subito da Volkswagen come maggiore produttore al mondo (10,2 milioni di tedesche contro 10,1 milioni di vetture dei giapponesi). La casa tedesca deve dividere i numeri per tutti i suoi marchi (Vw, Audi, Lamborghini, Skoda, Seat, Porsche, Bentley e Bugatti, oltre alle moto Ducati), anche se grazie alla forza del proprio brand è riuscita a riemergere in fretta dallo scandalo Dieselgate. Bene anche Nissan e Audi così come Opel, male Peugeot che però sta tentando l'assalto proprio al braccio europeo di General Motors .

brand-finance-auto-2017

I marchi top del settore auto secondo Brand Finance