BusinessPeople

Auto a guida autonoma, un'esperienza straordinaria

Auto a guida autonoma, un'esperienza straordinaria Torna a I pro e contro dell'auto 3.0
Venerdì, 22 Luglio 2016

«Per il senso comune, la qualità del viaggio è sintetizzata in “comodi a bordo”. Per Audi è molto più complesso», dice Massimiliano Faraò, responsabile marketing per l’Italia della casa: «Riguarda l’ergonomia della seduta di guida, con studi maniacali per stabilire i punti di contatto, gli spazi interni, evitare vibrazioni».

Cos’ha, quindi, un’Audi di diverso? Un esempio è il climatizzatore. Sembra banale, ma Audi utilizza filtri a carboni attivi tanto sofisticati da proteggere quanto una maschera da guerra biologica. E non si devono dimenticare le ricerche legate alla qualità delle pelli, dei tessuti, dei punti di contatto che rendono l’esperienza a bordo eccezionale.

Alcune auto offrono sistemi di aromaterapia e illuminazione dell’abitacolo che cambiano colore a seconda dei desideri di chi guida. Reali esigenze destinate a diffondersi o mode del momento?
Nel caso dell’Audi Q7 la percezione del cambiamento di colore delle informazioni è collegato allo stile di guida del momento, info rosse per la guida sportiva, azzurre per l’ecologica, verdi per l’andatura da passeggio. Al di là dello strumento di marketing, sono stimoli a razionalizzare i momenti della marcia.

Smartphone in auto, utile o pericoloso?
Lo smartphone è un fatto, dobbiamo evitare che diventi un problema. In Audi abbiamo lo smartbox interface, sotto il bracciolo, che ricarica il telefonino per induzione, si collega al display e si comanda dal volante.

L’auto con pilot drive, che guida quasi da sola, è un segnale di emancipazione o è come stare sulla lama di un coltello?
La prima considerazione da fare è che al meglio non c’è mai fine. Questi sistemi più che lasciare tempo per dedicarsi ad altre attività durante lo spostamento sono angeli custodi che aumentano la soglia di protezione.

L’icona della qualità del viaggio?
Un paradosso: l’Audi R8. Con un super motore 10 cilindri, prestazioni superbe, perfetta per un week end in due, con tanti km da fare, senza doversi contorcere per salire e scendere.

L’Audi che stupirà nel prossimo futuro?
L’A8 a guida autonoma, che arriverà nel 2017. Semplicemente straordinaria.

POTREBBERO INTERESSARTI
Copyright © 2022 - DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Credits: Macro Web Media