Fiat Freemont

Fiat Freemont

Il nome incarna l’essenza del veicolo: dare quel senso di libertà, di avventura e di possibilità di affrontare qualsiasi situazione che si presenta nel vivere quotidiano. Si tratta di Fiat Freemont, il primo veicolo del gruppo automobilistico di Torino che nasce dalla partnership con Chrysler Group. Una sette posti che verrà presentata in anteprima mondiale al prossimo Salone di Ginevra e che verrà commercializzata nella seconda metà del 2011. Freemont nasce sulla base del Dodge Journey di Chrysler e viene definito un “veicolo factotum”, progettato per rispondere alle diverse esigenze delle famiglie e di coloro alla ricerca di un veicolo spazioso, comodo e versatile. Nell’abitacolo, dove si è svolto un importante lavoro di insonorizzazione, si uniscono design moderno e materiali soft touch dove non manca il sistema infotainment con ampio schermo touch screen a colori.

Due allestimenti
Saranno due gli allestimenti disponibili. Entrambi avranno 7 posti, climatizzatore automatico a tre zone, sistema keyless entry, cruise control, trip computer avanzato, sistema di monitoraggio della pressione pneumatici (Tmps), fendinebbia e radio touch screen con schermo a colori e comandi al volante. Nella versione più cittadina si aggiungeranno i cerchi in lega da 17”, la radio touch screen con schermo da 8,4”, lettore DVD e SD card, il sistema bluetooth, i sensori di parcheggio posteriori, gli specchietti retrovisori ripiegabili, l’ accensione automatica dei fari, i vetri posteriori oscurati e le barre sul tetto.

Il motore
Freemont avrà trazione anteriore con propulsori turbodiesel (2.0 Multijet da 140 CV o 170 CV) abbinati a un cambio manuale. In seguito saranno proposte anche le versioni 4x4 con le motorizzazioni 2.0 Multijet da 170 CV e 3.6 benzina V6 da 276 CV, entrambe con cambio automatico. Ad eccezione del potente motore 3,6 litri della famiglia Pentastar del Gruppo Chrysler e relativo cambio automatico, tutti i gruppi motopropulsori sono prodotti e sviluppati da FPT- Fiat PowerTrain. Le performance dinamiche del veicolo sono state migliorate, grazie alI’intervento dell’ingegneria Fiat che ha studiato e realizzato un’apposita taratura delle sospensioni e dello sterzo, ora più preciso e diretto.